Vittorio Missoni: continuano le ricerche. Regolarmente aperte le attività dell’azienda

Continuano, da parte della Protezione civile venezuelana, le ricerche del bimotore Norman BN2 scomparso dai segnali radar venerdì 4 gennaio alle ore 11. Sul velivolo pilotato da German Merchane e Juan Fernandez, oltre all’imprenditore Vittorio Missoni erano presenti altri tre italiani: la sua compagna Maurizia Castiglioni, Guido Foresti ed Elda Scalvenzi. Le autorità locali, coordinate dal Ministero dell’Interno e con la collaborazione delle autorità italiane, hanno ampliato il raggio d’azione delle ricerche a 150 chilometri dalla rotta che il velivolo avrebbe dovuto mantenere da Los Roques all’aeroporto Simon Bolivar di Maiquetia, a 20 km da Caracas.

Vittorio Missoni, 58 anni, amministratore delegato di Missoni Spa, è considerato l’ambasciatore nel mondo dell’impresa fondata a Gallarate (Va), nel 1953, da suo padre Ottavio e dalla madre Rosita Jelmini. Diventato un simbolo unanimemente riconosciuto del made in Italy negli anni Settanta, Missoni negli ultimi decenni ha ampliato il proprio raggio d’azione affiancando al core business dell’abbigliamento investimenti nel mondo dei profumi e degli hotel di lusso, con l’apertura di due strutture alberghiere a Edimburgo e Kuwait City. A dare impulso a quest’allargamento d’orizzonte sono stati i tre figli di Ottavio Missoni che dal 1997 hanno raccolto il testimone dalle mani del padre Ottavio: Angela, direttore artistico, Luca, responsabile tecnico, e Vittorio, responsabile della parte commerciale.

Nonostante la famiglia stia vivendo ore di grande angoscia, quest’oggi i circa duecento impiegati della fabbrica di Sumirago (che sorge accanto alla villa di famiglia) sono rientrati normalmente al lavoro dopo la chiusura natalizia. Così come ha riaperto lo storico negozio milanese di via Montenapoleone angolo via Sant’Andrea.
 
La comunità di Sumirago (Va), dove l’azienda si è trasferita nel 1969 e nella quale i Missoni sono residenti dal 1972, si è raccolta intorno alla famiglia che tramite il proprio sito Internet e un comunicato stampa ha chiesto rispetto per la propria privacy. Dopo l’arrivo della notizia a Sumirago si è tenuta una riunione fra tutti i dirigenti della griffe per coordinare i contatti con le autorità del paese caraibico: il fondatore Ottavio e la moglie Rosita sono a casa con la figlia Angela, mentre il figlio minore, Luca, in vacanza negli Stati Uniti, è partito per il Venezuela. Coerentemente con lo stile del fondatore Ottavio, i tre figli al timone della Missoni Spa hanno sempre gestito l’azienda con umanità e umiltà, con un piglio pragmatico capace di “limare” la distanza fra dirigenza e operai. Prima della chiusura natalizia, proprio Vittorio si era travestito da Babbo Natale per distribuire doni ai figli dei dipendenti. E ora tutti aspettano e sperano che dal Venezuela arrivino buone notizie.