Volano i titoli bancari, e Piazza Affari ne beneficia

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
B8Z.BE1,730,82
P4I.BE2,440,00
BMPS.MI0,240,01

Eccolo, è arrivato, era nell’aria, finalmente il tanto sospirato … rimbalzo! Così come è già accaduto lo scorso 5 e 28 settembre la quota di 15.100 punti risulterà anche questa volta un livello dal quale il nostro indice principale può rimbalzare? A vedere la seduta odierna sembrerebbe proprio di sì, ma è sempre bene attendere conferme.

Dopo quattro ribassi consecutivi e sei delle ultime sette sedute in calo, non vorremmo che la giornata odierna risultasse soltanto una piacevole eccezione, naturalmente non ce lo auguriamo, ma crediamo anche che ci siano fondati motivi per ritenere che non ci si fermi qui.

Sostanzialmente la nostra fiducia deriva dai dati che le nostre due Big Bank hanno diramato oggi, per Unicredit (EUREX: C2RI.EX - notizie) l’utile netto del trimestre è balzato a 335 milioni di euro, decisamente oltre le attese, da inizio anno siamo quindi a 1,4 miliardi, mentre per Banca Intesa l’utile netto dello scorso trimestre è risultato pari a 414 milioni di euro, anche in questo caso battute le stime degli analisti.

I due titoli hanno così trainato il nostro Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) (+1,40%) che è risultato decisamente il miglior indice del Vecchio Continente, il francese Cac (Francoforte: 924169 - notizie) ha guadagnato sei decimi di punto, l’inglese Ftse tre decimi e il tedesco Dax (Xetra: ^GDAXI - notizie) ha terminato le contrattazioni invariato.

Ed ecco allora che Banca Intesa (+5,19%) torna a quota 1,256 euro, ma naturalmente i tanti azionisti di Ca’ de Sass vogliono ora ritornare perlomeno sui massimi di periodo situati intorno a quota 1,4 euro.

Ed anche Unicredit (+4,39%) che già nelle ultime sedute aveva sovraperformato Intesa, può tornare ad avere obiettivi ambiziosi.

Ovviamente hanno beneficiato di questo Sentiment positivo anche gli altri titoli del settore ed in particolare Banca MPS (Milano: BMPS.MI - notizie) (+5,06%) e Banca Popolare di Milano (Milano: PMI.MI - notizie) (+4,57%) il cui utile netto è salito a 25,4 milioni di euro.

, Da segnalare che hanno guadagnato oltre tre punti percentuali anche Banco Popolare (Berlino: B8Z.BE - notizie) (+3,54%), Ubi Banca (Berlino: BPD.BE - notizie) (+3,02%) e Bper (+3,01%).

Ma oggi è stata soprattutto la giornata di Parmalat (Berlino: P4I.BE - notizie) (+3,57%) fermatasi proprio ad un soffio da quota 1,8 euro, stabilendo comunque la miglior chiusura dell’anno in corso.

Non tutte le trimestrali, però, hanno soddisfatto il mercato, particolarmente deludente Tod’s (-6,28%) che dopo aver stabilito il record storico a 93,9 euro soltanto ieri, vede oggi crollare la quotazione a 88 euro. L’ottimismo dei Della Valle, che hanno presentato i conti con grande enfasi, non è bastato a sostenere il titolo che è stato, ovviamente, anche venduto sulla notizia.

Male anche Pirelli (Milano: PC.MI - notizie) (-2,82%) che ha tagliato i target di fine anno, personalmente mi terrei ora lontano dal titolo.

Infine non si arresta il calo di Enel Green Power (Berlino: 11758488.BE - notizie) (-2,22%) ormai da quasi un mese in trend negativo.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.613,30 0,37% 17 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.155,81 0,53% 17 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.625,25 0,62% 17 apr 17:35 CEST
Dax 9.409,71 0,99% 17 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.408,54 0,10% 17 apr 22:31 CEST
Nikkei 225 14.417,53 0,00% 02:01 CEST

Ultime notizie dai mercati