Italia markets open in 6 hours 56 minutes
  • Dow Jones

    29.225,61
    -458,13 (-1,54%)
     
  • Nasdaq

    10.737,51
    -314,13 (-2,84%)
     
  • Nikkei 225

    26.422,05
    +248,07 (+0,95%)
     
  • EUR/USD

    0,9824
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • BTC-EUR

    19.932,17
    +8,08 (+0,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    446,84
    +0,86 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    17.165,87
    -85,01 (-0,49%)
     
  • S&P 500

    3.640,47
    -78,57 (-2,11%)
     

Volkswagen, famiglie Porsche e Piech aspirano a posto di guida - fonti

Modelli di auto elettriche del Gruppo Volkswagen parcheggiate all'esterno dello stabilimento di produzione dell'azienda, a Zwickau

AMBURGO (Reuters) - Le famiglie che controllano Volkswagen vogliono avere una presa maggiore sulla casa automobilistica tedesca e più voce in capitolo sulle questioni strategiche, in quello che appare un gioco di potere prima della quotazione in borsa di Porsche.

Lo riferiscono fonti a conoscenza della situazione.

Le famiglie Porsche e Piech, che controllano la holding Porsche SE - che detiene la maggior parte dei diritti di voto di Volkswagen - sperano di riportare il gruppo in acque più tranquille dopo un periodo turbolento sotto il Ceo uscente Herbert Diess.

"Vogliono controllare più da vicino l'attuazione delle linee guida strategiche", ha dichiarato a Reuters una persona a conoscenza dei piani delle famiglie.

Sotto Diess, Volkswagen ha compiuto importanti passi avanti verso l'elettrificazione, ma il suo stile risoluto ha provocato un'opposizione all'interno della società che ne ha talvolta oscurato i risultati, mettendo a dura prova la pazienza delle famiglie, secondo quanto riferiscono le fonti.

Di conseguenza, le famiglie sono intenzionate a esercitare un controllo più stretto.

"Le famiglie sono attivamente coinvolte" ha detto una seconda fonte.

La maggiore influenza di Porsche e Piech si è già riflessa nella nomina di Oliver Blume come prossimo Ceo di Volkswagen, una mossa che ha attirato le critiche di diversi investitori, dato che Blume rimarrà anche a capo di Porsche Ag, anche dopo la prevista quotazione in borsa.

Considerato il "candidato preferito" del clan Porsche e Piech, Blume dovrebbe portare a termine la tanto attesa Ipo di Porsche Ag, l'omonima casa automobilistica che guida dal 2015.

Porsche SE e Volkswagen non hanno commentato.

L'Ipo è fondamentale per le due famiglie, che tornerebbero a essere azioniste dirette di Porsche Ag dopo che il produttore dell'iconico modello 911 è stato rilevato da Volkswagen nel 2009, a seguito di un tentativo fallito da parte di Porsche Ag di acquistare Volkswagen.

"La struttura dell'Ipo soddisfa principalmente l'interesse delle famiglie a stringere ulteriormente il loro controllo su Porsche, e non saranno dissuase da questo piano", ha detto Hendrik Schmidt, esperto di corporate governance presso Dws, che detiene azioni sia di Volkswagen che di Porsche Se.

La struttura concordata dell'Ipo, che deve ancora essere confermata, darebbe alle famiglie Porsche e Piech una minoranza di blocco nel brand di auto sportive fondato dal loro antenato Ferdinand Porsche nel 1931.

Manuel Theisen, professore in pensione di economia aziendale presso la Ludwig-Maximilians-University di Monaco e specialista di corporate governance, ha affermato che si tratta di un modo per recuperare parte dell'influenza delle famiglie.

"La ragione principale è il potere", ha aggiunto Theisen.

(Tradotto da Chiara Bontacchio, editing Claudia Cristoferi)