Italia Markets close in 5 hrs 59 mins

Volvo sempre più cinese, sul tavolo fusione con Geely

Antonio Cardarelli
Volvo sempre più cinese, sul tavolo fusione con Geely

Il panorama mondiale delle case automobilistiche continua a cambiare: la cinese Geely sta valutando una fusione con Volvo per affrontare le sfide della mobilità elettrica e della guida autonoma

Fusione in famiglia per Volvo e Geely. Lo storico marchio svedese, che è già sotto il controllo della holding cinese Geely Automobile Holdings, potrebbe unirsi alla casa automobilistica Geely Group per dare vita a un nuovo colosso globale “che accelererebbe le sinergie finanziarie e tecnologiche tra le due società”.

IDENTITÀ DISTINTE

La trattativa è in corso e l’obiettivo, almeno da quanto trapela, è mantenere in ogni caso distinte le identità dei due marchi e degli altri che farebbero parte del nuovo gruppo, Lynk & Co e Polestar. La nuova società dovrebbe essere quotata a Hong Kong e Stoccolma, in modo da aumentare la possibilità di raccolta del capitale. Per il momento non sono state fissate scandenze e piani dettagliati per la possibile operazione, che, se si concretizzasse, sarebbe soggetta all'approvazione dei Cda di Geely e di Volvo Cars.

GRUPPO GLOBALE

“Una fusione tra le sue società creerebbe un forte gruppo globale. Siamo impazienti, con Hakan Samuelsson, presidente e ceo di Volvo Cars, di analizzare ulteriormente questa opportunità con l'obiettivo di rafforzare le sinergie all'interno del gruppo mantenendo allo stesso tempo i vantaggi competitivi e l'integrità di ogni brand”, ha dichiarato Li Shufu, presidente di Geely Holding Group.

Aston Martin approda in Formula 1 con l’ingresso del miliardario Stroll

Aston Martin approda in Formula 1 con l’ingresso del miliardario Stroll

IL TENTATIVO CON ASTON MARTIN

Fallito dunque l’assalto ad Aston Martin (il 20% è finito nelle mani del miliardario Lawrence Stroll) il gruppo Geely ha immediatamente cambiato obiettivo puntando a una fusione “casalinga” con Volvo Cars, che dal 2010 è di fatto nelle mani della holding cinese, che a sua volta l’aveva rilevata da Ford. Il nuovo colosso automobilistico punta a mettere insieme il know how dei due brand per affrontare al meglio le nuove sfide dell’automotive: mobilità elettrica e guida autonoma.