Wall Street è tornata al 2007

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
BELI.PA28,96-1,13
DWD.DE21,480,02
KO40,720,13
JNJ98,960,21
^DJI16.408,54-16,31

Le Borse Usa terminano sui massimi Bene Unitedhealth, Alcoa (NYSE: AA - notizie) e The Travelers, in calo Coca Cola (NYSE: KO - notizie) , Boeing (NYSE: BA - notizie) e J&J. Torna nuovamente sopra quota 500 dollari, Apple (NasdaqGS: AAPL - notizie) , bene anche Rim.

Ricordate il 2007? Naturalmente mi riferisco agli indici di Borsa nel 2007, ebbene per anni li abbiamo tutti considerati dei valori “da bolla speculativa”, ed ora? Come la mettiamo? C'è una quota che ha sempre terrorizzato i traders americani, si tratta dei 1.500 punti per lo S&P500, ebbene oggi al fixing l'indice di riferimento della Borsa Usa ha terminato a 1492,51 punti, dobbiamo aver paura? In effetti lo S&P500 arrivò a toccare i 1.500 punti nel 2000 e poi sappiamo cosa accadde (crollò a 800 punti), ritornò sette anni dopo sempre su quella soglia e cosa accadde? Nuovo crollo a 800 punti, ed ora ci risiamo! Ci abbiamo messo un anno di meno per tornare nuovamente sui 1.500 punti, ora: o si ha sangue freddo, oppure … si scappa.

Oggi gli indici americani hanno fatto segnare una variazione positiva nonostante una partenza balbettante dovuta a dati macro per nulla confortanti, ma un'ora dopo l'apertura avevamo già visto il minimo di giornata e da lì sono arrivati solo acquisti fino a terminare sui massimi di seduta, con volumi particolarmente consistenti.

Le (Parigi: FR0000072399 - notizie) vendite di case esistenti, a dicembre, sono scese dell'1% mentre gli economisti avevano previsto un aumento, ma questo è nulla se confrontato con il “raggelante” indice Fed di Richmond che, ricordiamolo, monitora l'attività manifatturiera nell'area della cittadina della Virginia che diede i natali ad Edgar Allan Poe. Un valore positivo segnala una crescita, mentre, per converso, uno negativo indica una contrazione dell'attività manifatturiera. Ebbene il dato precedente, quello di dicembre, era stato pari a +5, ed il mercato si attendeva un minimo ritracciamento a +4, ma è arrivata invece una doccia gelata con valori quasi siberiani, -12 punti!!! , Il mercato però allargava le braccia e ignorava questi dati negativi guardando invece con fiducia alle trimestrali che, almeno al momento, stanno risultando mediamente superiori alle attese.

Dow Jones (DJI: ^DJI - notizie) (+0,46%) continua il bel recupero di Unitedhealth (+2,68%) che mette a segno l'ottavo rialzo nelle ultime nove sedute, a seguire Alcoa (+2,22%) e The Travelers (+2,15%) il cui utile operativo, nel quarto trimestre, è risultato straordinariamente superiore alle previsioni.

Brusco dietro-front per Coca-Cola (-1,51%) che storna dopo cinque rialzi di fila, in calo ancora Boeing (-1,17%) dopo la sospensione delle consegne del Dreamliner, quindi Johnson & Johnson (NYSE: JNJ - notizie) (-0,74%) dopo aver annunciato di attendersi un utile per il 2013 leggermente inferiore al consenso.

S&P500 (+0,44%) torna in auge Freeport McMoran (+4,61%) il cui utile netto del quarto trimestre ha superato le attese degli analisti. Da sottolineare la performance di Morgan Stanley (Xetra: 885836 - notizie) (+2,68%) che da inizio anno ha messo a segno un rimbalzo del 20%, bene infine Anadarko Petroleum (+2,50%).

Scendono Kraft Foods (-1,85%), eBay (-1,55%) e Capital One Financial (NYSE: COF - notizie) (-1,46%).

Nasdaq (+0,27%) ancora una grande seduta per Seagate Technology (+7,09%), a seguire Western Digital (+5,69%) e Randgold Resources (+5,48%).

Fan segnare i maggiori cali Autodesk (-2,53%), Liberty Global (NasdaqGS: LBTYA - notizie) (-2,00%) e Sears Holdings (NasdaqGS: SHLD - notizie) (-1,82%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito