Italia Markets closed

Wall Street allunga dopo i dati sul lavoro. I titoli hot

Davide Pantaleo
 

La chiusura pimpante di ieri dovrebbe essere seguita da una partenza positiva per la piazza azionaria americana che pare ben impostata ad accogliere nuovi acquisti. I futures sui principali indici viaggiano tutti in salita e vedono il contratto sull'S&P500 avanzare dello 0,85%, preceduto da quello sul Nasdaq100 che si apprezza dell'1,15%.

Il mercato mantiene una buona intonazione dopo la diffusione di alcune indicazioni macro, con riferimento alla stima ADP, da cui si è appreso che nel mese di ottobre sono stati creati 227mila nuovi posti di lavoro nel settore privato, in rialzo rispetto alla lettura precedente rivista al ribasso da 230mila a 215mila unità. Il dato si è rivelato migliore delle previsioni degli analisti che si erano preparati ad un incremento meno marcato a 195mila unità.

Oltre le stime anche l'indice relativo al costo del lavoro che nel terzo trimestre ha evidenziato una variazione positiva dello 0,7%, in rialzo rispetto allo 0,6% precedente e oltre lo 0,7% atteso dagli analisti.

Il mercato attende di conoscere un altro aggiornamento che sarà diffuso poco l'avvio delle contrattazioni a Wall Street e si tratta dell'indice Chicago PMI per il quale ad ottobre si prevede un frazionale rialzo da 60,4 a 60,5 punti.
Un'ora dopo l'apertura del mercato si guarderà ai prezzi del petrolio visto che sarà diffuso il report sulle scorte strategiche da parte del Dipartimento dell'energia.

Intanto l'oro nero è poco mosso e viaggia in area 66,3 dollari al barile, mentre indietreggia il gold che scende al di sotto dei 1.217,5 dollari l'oncia. Sul fronte valutario il dollaro continua ad apprezzarsi contro lo yen salendo a 113,24, ma il biglietto verde è in vantaggio anche rispetto all'euro che scende in area 1,1330.

Sei affascinato dai mercati finanziari e vorresti diventare un bravo trader?

Iscriviti da qui  per rimanere sempre aggiornato sugli eventi di formazione gratuita di  Trend-Online.com

Tra i vari titoli da seguire General Motors (NYSE: GM - notizie) che ha diffuso i conti del terzo trimestre, archiviato con un utile per azione in rialzo da 1,67 a 1,75 dollari, ma al netto delle voci straordinarie il dato sale a 1,87 dollari, ben al di sopra degli 1,25 dollari attesi.
I ricavi sono cresciuti del 6% a 35,8 miliardi di dollari, poco oltre i 35,3 miliardi del consensus.

Sempre in tema di risultati societari da monitorare Facebook (NasdaqGS: FB - notizie) che ieri a mercati chiusi ha presentato i numeri del terzo trimestre nel quale l'utile netto è aumentato del 9% a 5,14 miliardi d dollari, con un risultato per azione pari a 1,76 dollari, battendo le stime fissate a 1,46 dollari.

I ricavi sono saliti del 33% a 13,73 miliardi di dollari, appena sotto i 13,77 miliardi su cui aveva scommesso la comunità finanziaria.

Nel (Londra: 0E4Q.L - notizie) settore high-tech riflettori puntati anche su eBay che nel terzo trimestre ha riportato un utile pari a 720 milioni di dollari, con un risultato per azione che al netto delle voci straordinarie si è attestato a 0,56 dollari, al di sopra dei 54 cents previsti.
In linea con le attese i ricavi che sono passati da 2,41 miliardi dello scorso anno a 2,65 miliardi.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online