Wall Street appesantisce le Borse UE. Soffre Piazza Affari

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
B8Z.BE1,730,82
CPR.MDD6,030,00
BPD.BE4,990,00

A circa un’ora dalla chiusura di quest’ultima seduta della settimana, le Borse europee si presentano tutte in flessione, per nulla aiutate dai segnali di debolezza che arrivano dall’opposta sponda dell’Atlantico. Anche quest’oggi a Wall Street i tre indici principali hanno imboccato la via delle vendite, pur contenendo il calo per ora, sulla scia della deludente indicazione relativa alla produzione industriale che ad ottobre è scesa dello 0,4%, mentre le attese erano per un rialzo dello 0,1%. A seminare incertezza è anche l’attesa per i possibili sviluppi sul fronte del fiscal cliff, nel giorno in cui partono le trattative per trovare una soluzione a questo grosso problema. Intanto in Europa si muovono di pari passo il Dax30 e il Cac40 (Parigi: ^FCHI - notizie) che arretrano dello 0,67% entrambi, lasciando più indietro il Ftse100 che perde lo 0,95%. Decisamente più pesante il bilancio di Piazza Affari dove l’indice Ftse Mib (MDD: FTSEMIB.MDD - notizie) viene fotografato a ridosso dei 14.900 punti, con un affondo dell‘1,79%. Poche le blue chips capaci di scansare le vendite e si tratta di Campari (MDD: CPR.MDD - notizie) che si apprezza di quasi un punto, seguito da Tenaris (Other OTC: TNRSF.PK - notizie) e Saipem (Dusseldorf: 577305.DU - notizie) che mostrano un lieve progresso di circa lo 0,2%, mentre Ferragamo e Tod’s viaggia in frazionale rialzo di cica lo 0,1%. Sempre più in basso Telecom Italia (Other OTC: TIAOF.PK - notizie) che arriva a perde il 4,5% sulla scia dei rumors relativi ad un possibile stop dello spin-off della rete. Vendite sui bancari con Banca Popolare di Milano (Milano: PMI.MI - notizie) in rosso del 4%, seguito da Mediobanca (EUREX: 574959.EX - notizie) che arretra del 3,5%. In rosso di quasi tre punti Ubi Banca (Berlino: BPD.BE - notizie) e Intesa Sanpaolo (Dusseldorf: 575913.DU - notizie) , mentre Unicredit (EUREX: C2RI.EX - notizie) e Monte Paschi flettono del 2,65% e del 2,15%, insieme a Banco Popolare (Berlino: B8Z.BE - notizie) che pede il 2,1%. Si difende meglio Banca Popolare dell’Emilia romagna che limita i danni a poco più di un punto percentuale.

, Sotto schiaffo Exor (EUREX: 572835.EX - notizie) che lascia sul parterre il 3,39% e le vendite colpiscono anche Autogrill (Milano: AGL.MI - notizie) che scende del 3,27%, penalizzato dai rumors relativi ad un interesse per l’acquisizione di SSP che ha sollevato alcuni dubbi tra gli analisti, soprattutto in riferimento all’eventuale prezzo del deal.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.613,30 0,37% 17 apr 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.155,81 0,53% 17 apr 17:50 CEST
Ftse 100 6.625,25 0,62% 17 apr 17:35 CEST
Dax 9.409,71 0,99% 17 apr 17:45 CEST
Dow Jones 16.408,54 0,10% 17 apr 22:31 CEST
Nikkei 225 14.495,04 0,54% 07:43 CEST

Ultime notizie dai mercati