Italia Markets open in 4 hrs 13 mins

Wall Street apre in ribasso su aumento casi coronavirus

Valeria Panigada

Partenza in calo per Wall Street, dopo i recenti record. Nei primi minuti di contrattazione il Dow Jones scivola dello 0,37%, l'S&P500 cede lo 0,28% e il Nasdaq segna un ribasso dello 0,46%. A pesare sugli scambi sono gli ultimi aggiornamenti sul coronavirus arrivati dalla Cina. Il Comitato sanitario provinciale di Hubei, epicentro dell'epidemia, ha rilevato da ieri a oggi 14.840 nuovi casi, che portano a 48.206 il numero dei contagiati e a quasi 60mila quello dell'intera Cina. Il totale di nuovi casi confermati ha segnato un aumento di 7 volte rispetto a ieri, quando la National Health Commission della Cina aveva segnalato soltanto 2.015 nuovi casi. Non solo. La Commissione sanitaria della provincia di Hubei hai contato anche 242 nuovi decessi in un solo giorno, il maggiore da quando l'epidemia è scoppiata a dicembre. I nuovi numeri arrivano dopo che la Cina ha sostituito nei giorni scorsi alti funzionari a Hubei, il centro dell'epidemia, e cambiato i criteri di diagnosi.

Probabilmente gli operatori reputano che l’incremento sia da considerarsi un “una tantum”, ma occorrerà vedere nei prossimi giorni se vi sarà una stabilizzazione. Nel frattempo sono giunte le prime indicazioni di dati consuntivi cinesi relativi al mese di gennaio. Secondo l’associazione dei costruttori di auto, le vendite di veicoli nel primo mese del 2020 sarebbe calate di circa il 20% rispetto allo scorso anno. Si tratta di un dato preliminare, ma fornisce comunque una prima idea dell’impatto del coronavirus sull’economia cinese.