Italia markets close in 4 hours 24 minutes
  • FTSE MIB

    24.313,60
    -489,30 (-1,97%)
     
  • Dow Jones

    34.742,82
    -34,98 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    13.401,86
    -350,34 (-2,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.608,59
    -909,71 (-3,08%)
     
  • Petrolio

    64,34
    -0,58 (-0,89%)
     
  • BTC-EUR

    46.005,14
    -1.778,36 (-3,72%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.496,07
    -65,23 (-4,18%)
     
  • Oro

    1.840,00
    +2,40 (+0,13%)
     
  • EUR/USD

    1,2165
    +0,0031 (+0,26%)
     
  • S&P 500

    4.188,43
    -44,17 (-1,04%)
     
  • HANG SENG

    28.013,81
    -581,89 (-2,03%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.932,21
    -102,04 (-2,53%)
     
  • EUR/GBP

    0,8610
    +0,0020 (+0,23%)
     
  • EUR/CHF

    1,0971
    +0,0037 (+0,34%)
     
  • EUR/CAD

    1,4714
    +0,0030 (+0,20%)
     

Wall Street apre in rosso aspettando la Fed, i conti Tesla non convincono: azioni giù del 4%

Antonio Cardarelli
·2 minuto per la lettura
Wall Street apre in rosso aspettando la Fed, i conti Tesla non convincono: azioni giù del 4%
Wall Street apre in rosso aspettando la Fed, i conti Tesla non convincono: azioni giù del 4%

Apertura debole per i listini americani nel giorno che segna l’inizio del meeting della Federal Reserve

Parte con il segno meno la seduta di Wall Street nella giornata di apertura del meeting della Federal Reserve. L’indice S&P 500 e il Dow Jones segnano -0,2%, mentre il Nasdaq perde lo 0,4%. Oltre alla Fed, l’attesa degli investitori è anche per la presentazione al Congresso dell’American Families Plan in programma domani sera.

TRIMESTRALI IN ARRIVO

Altri appuntamenti da seguire sono le trimestrali delle Big Tech, che arrivano oggi dopo la chiusura dei mercati. Focus su Alphabet e Microsoft, che seguono i conti di Tesla presentati ieri. La casa automobilistica ha battuto le stime registrando ricavi in rialzo del 74%, anche se soprattutto grazie alla cessione di Bitcoine di crediti ambientali venduti ad altre case automobilistiche. Non a caso il titolo ha aperto in perdita di oltre 3 punti percentuali.

NODO TASSE

Per quanto riguarda il piano del presidente Biden, l’attenzione degli investitori è concentrata soprattutto sulla riforma fiscale. Secondo le indiscrezioni trapelate finora, l’imposta federale massima sul capital gain passerà dal 23,8% al 43,4% e sarebbe applicata a chi guadagna più di un milione di dollari. Inoltre, l’aliquota sul reddito dei più abbienti passerebbe al 39,6% dal 37% di trumpiana memoria. Sul fronte Federal Reserve, gli analisti si aspettano che Powell difenda ancora la sua politica di lasciar salire l'inflazione, assicurando che l'aumento dei prezzi sarà solo temporaneo. Intanto i dati macroeconomici segnalano un aumento dei prezzi delle case (+12% a febbraio).

GAME STOP TORNA A SALIRE

A Wall Street occhi puntati nuovamente sul titolo GameStop, in rialzo del 7,25% a circa 181,20 dollari, dopo che la catena di negozi di videogiochi ha comunicato di aver completato la vendita di 3,5 milioni di nuove azioni, per un aumento di capitale di 551 milioni di dollari che servirà a finanziare la sua trasformazione digitale. Dall'inizio dell'anno, il titolo guadagna quasi l'800% e a gennaio ha toccato il record di 483 dollari. Il petrolio Wti sale dello 0,71% a 62,35 dollari al barile dopo il calo di ieri provocato dai timori sulla domanda, causati dal numero record di casi di Covid-19 in India, terzo importatore di petrolio al mondo.