Wall Street boccia la vittoria di Obama

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
AZM.MI23,060,48
A2A.MDD0,870,29
TRN.MI3,880,05

Giornata davvero pessima sui mercati finanziari quella a cui abbiamo assistito ieri dove salvo un avvio di giornata col segno più in seguito alla certezza di non assistere ad una fase di stallo dal punto di vista politico, qualora ci fosse stato un pareggio tra i due candidati, si è configurata una seduta decisamente negativa caratterizzata solamente da ordini in vendita proseguiti per tutta la giornata. Ws che ha visto primeggiare il democratico Obama, non certo il candidato caldeggiato dalla borsa americana, ha bocciato duramente la sua rielezione registrando una pessima performance, che sia sul Dj che sullo S&P500 non si vedevano dalla scorsa estate. Hanno pravalso i timori soprattutto per il Fiscal Cliff che dovrà essere approvato nei tempi più rapidi possibili per tranquillizzare i mercati, già ieri si è registrato un monito da parte di due delle società di rating americane più importanti, Moody’s e Fitch, che hanno “consigliato” ad Obama di accellerare i tempi per la sua approvazione evitando così di perdere il massimo merito creditizio, la tripla A, già tolta da S&P nei mesi scorsi. A soffrire ieri maggiormente sui listini americani sono stati il comparto bancario, che avrebbe sicuramente preferito l’elezione di e il comparto energetico, altro settore che difficilmente beneficerà della rielezione del presidente democratico. A fine giornata dopo aver sfiorato perdite intraday prossime ai tre punti percentuali troviamo il Nasdaq (Nasdaq: ^NDX - notizie) in ribasso del 2.48% ritesta così i minimi di periodo in area 2600 punti, a seguire DJ (-2.37%) e S&P500 (-2.36%).

Pessima giornta anche in tutte le borse del Vecchio Continente che, oltre ad aver risentito della debolezza proveniente da Ws nel pomeriggio, hanno subito un forte scivolone in seguito alla conferenza stampa di Draghi e Olli Rehn nella quale sono state rilasciate le stime di crescita per i prossimi anni sottolineando come anche la Germania stia iniziando a soffrire della difficile congiuntura economia europea attuale. Significativo in questo senso il dato macroeconomico diffuso nella giornata di ieri dove la produzione industriale è risultata in forte contrazione al -1.8%. I mercati ne hanno ovviamente risentito negativamente, Piazza Affari come spesso accade in queste circostanze è risultata la piazza finanziaria più debole cedendo al fixing il 2.50%. A breve distanza troviamo Madrid (-2.26%), a seguire Parigi (-1.99%) che arretra di due punti, Francoforte (-1.96%) ed infine Londra (-1.56%).

, Forte calo anche della valuta europea rispetto a tutti i principali cross, nei confronti del dollaro americano dopo essersi rafforzato durante la nottata ha ceduto oltre una figura raggiungedo così in un’importante area supportiva posta tra 1.2740-1.27.

Tornando a Piazza Affari ieri ancora una volta forti vendite per Fiat Auto (Milano: F.MI - notizie) (-6.17%) che cede oltre sei punti percentuali registrando così nuovi minimi di periodo, male anche Stm (-5.87%), a seguire troviamo i titoli del comparto bancario con Bper (-4.42%), Banca Popolare di Milano (Milano: PMI.MI - notizie) (-3.82%) e Unicredit (EUREX: C2RI.EX - notizie) (-3.65%). Unico (Berlino: UV5B.BE - notizie) titolo di giornata che riesce a chiudere in territorio positivo Autogrill (Milano: AGL.MI - notizie) in salita dello 0.36%.

Per la giornata odierna troviamo in agenda importanti appuntamenti: sul fronte Usa dovremo prestare attenzione in particolare alle 14.30 quando verranno rilasciati i dati relativi alla bilancia commerciale e ai sussidi di disoccupazione previsti leggermente in salita di 4k unità. In Europa da seguire saranno le riunioni delle due banche centrali BoE e Bce e relative conferenze stampe. Infine sarà una giornata molto importante anche sul fronte societario a Piazza Affari in quanto verranno rilasciate molte trimestrali tra le blue chips: Azimut (Milano: AZM.MI - notizie) , Autogrill, A2A (MDD: A2A.MDD - notizie) , Finmeccanica (Xetra: A0ETQX - notizie) , Mediolaum, Prysmian (Berlino: AEU.BE - notizie) e Terna (Milano: TRN.MI - notizie) . Marco Dall’Ava marco.dallava@xtb.it XTB Italia Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.675,75 -1,18% 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.175,97 0,74% 17:50 CEST
Ftse 100 6.674,74 0,11% 17:35 CEST
Dax 9.544,19 0,58% 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,08% 22:30 CEST
Nikkei 225 14.546,27 +1,09%  

Ultime notizie dai mercati