Italia markets close in 39 minutes
  • FTSE MIB

    24.407,96
    +246,58 (+1,02%)
     
  • Dow Jones

    34.036,68
    -100,63 (-0,29%)
     
  • Nasdaq

    13.982,53
    +32,31 (+0,23%)
     
  • Nikkei 225

    29.188,17
    +679,62 (+2,38%)
     
  • Petrolio

    61,21
    -0,14 (-0,23%)
     
  • BTC-EUR

    45.549,72
    -1.017,62 (-2,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.280,82
    +37,76 (+3,04%)
     
  • Oro

    1.787,40
    -5,70 (-0,32%)
     
  • EUR/USD

    1,2019
    -0,0020 (-0,17%)
     
  • S&P 500

    4.171,04
    -2,38 (-0,06%)
     
  • HANG SENG

    28.755,34
    +133,42 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.016,93
    +40,52 (+1,02%)
     
  • EUR/GBP

    0,8684
    +0,0045 (+0,52%)
     
  • EUR/CHF

    1,1028
    -0,0003 (-0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5025
    -0,0016 (-0,11%)
     

Wall Street brinda al Piano Biden

Investimenti Bnp Paribas
·2 minuto per la lettura

I riflettori rimangono ancora puntati verso gli Stati Uniti. Il Presidente Biden ha presentato il piano infrastrutturale da 2.250 miliardi di dollari, primo di due parti che andranno a completare un enorme pacchetto di rilancio per l’economia. I fondi verranno spalmati su 8 anni e finanziati in 15 con un aumento delle tasse alle aziende dal 21% al 28% e serviranno per riparare strade e ponti, espandere la connessione a banda larga ed accelerare i finanziamenti per ricerca e sviluppo. Gli obiettivi dell’inquilino della Casa Bianca sono quelli di affrontare la competizione cinese e spingere il processo di decarbonizzazione. Due i principali ostacoli che dovrà affrontare il programma: da un lato le critiche dei Repubblicani, contrari ad un aumento della pressione fiscale, dall’altro gli stessi Democratici, con la fronda moderata preoccupata per le ingenti spese e quella più progressista che reputa il pacchetto poco ambizioso. Le problematiche di un nuovo aiuto fiscale all’economia riguardano anche l’inflazione: su questo punto però, in recenti dichiarazioni diversi esponenti della Fed non hanno espresso preoccupazioni, ribadendo che l’istituto sarà a suo agio anche con un dato sopra il target del 2% per un certo periodo. Anche dalla BCE arrivano messaggi rassicuranti: la Presidente Christine Lagarde ha infatti dichiarato che la Banca centrale ha tutti gli strumenti per contrastare nuovi rialzi dei rendimenti dei bond governativi. Oggi sarà da monitorare anche il meeting dell’OPEC+, che dovrebbe continuare con il regime di tagli alla produzione fino a giugno dopo la nuova revisione al ribasso delle stime di domanda nel 2021 da parte del comitato tecnico del Cartello.

I MARKET MOVER

La mattinata sarà particolarmente ricca di dati per quanto riguarda il Vecchio Continente. Gli investitori si focalizzeranno infatti sugli IHS Markit PMI di marzo per Francia, Germania, Eurozona, Regno Unito, USA (finali) e Italia. Per quanto concerne gli Stati Uniti i riflettori saranno puntati sulle richieste di sussidio di disoccupazione statunitensi dell’ultima settimana, sull’indice ISM manifatturiero di marzo e sul discorso di Patrick Harker, Presidente della Fed di Philadelphia al Fintech Symposium. Da segnalare anche il meeting dell’OPEC+.

Autore: Investimenti Bnp Paribas Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online