Italia markets closed

Wall Street chiude in calo in attesa conti Big Tech, Nasdaq -1,4%

A24/Zap/Glv

New York, 28 apr. (askanews) - Wall Street ha chiuso in ribasso una seduta caratterizzata da elevata volatilità. Dopo aver aperto in rialzo in scia all'ottimismo per la prossima riapertura delle attività in alcuni Stati e Paesi, i listini hanno frenato dopo che il dottor Anthony Fauci, direttore dell'Istituto nazionale di malattie infettive, ha gelato il mercato che puntava su una prossima riapertura dell'economia. Il Dow Jones ha perso lo 0,13%, l'S&P 500 ha ceduto lo 0,52% mentre il Nasdaq ha lasciato sul terreno l'1,40%.

Fauci, componente della task force della Casa Bianca sul coronavirus, ha avvertito che è "inevitabile che avremo un ritorno del virus" in autunno e che la riapertura dell'economia potrebbe causare "un ritorno nella stessa situazione in cui ci trovavamo poche settimane fa". Nel frattempo, i casi di Covid-19 nel Paese sono oltre un milione mentre i decessi sono almeno 567mila.

A guidare le perdite è stato il comparto tecnologico, in attesa della pubblicazione dei risultati trimestrali dei colossi della Silicon Valley. Dopo Google, domani sarà il turno di Microsoft e Facebook, mentre Amazon pubblicherà i conti giovedì.

Pesano anche una serie di dati macroeconomici negativi. L'indice sulla fiducia redatto mensilmente dal Conference Board, gruppo di ricerca privato, è sceso a 86,9 punti dai 120 di marzo. Il dato è anche peggiore delle stime degli analisti, che si attendevano un calo a 92 punti. Sempre sul fronte macroeconomico, l'indice che misura l'attività manifatturiera nell'area di Richmond, Virginia, è crollato a -53 punti dai 2 punti del mese precedente.

E non aiuta nemmeno la volatilità del greggio. Dopo aver perso oltre il 24% nella seduta precedente, oggi il petrolio ha oscillato violentemente e il contratto Wti a giugno ha perso il 3,4% a 12,44 dollari al barile.