Wall Street chiude in moderato calo, male UnitedHealth

I principali indici azionari statunitensi hanno chiuso oggi in moderato calo. Il Dow Jones ha perso lo 0,2%, l' S&P 500 lo 0,2% e il Nasdaq Composite lo 0,4%. Dalle minute dell'ultima riunione del comitato esecutivo della Fed è emerso che il programma d'acquisto di bond da $85 miliardi finirà probabilmente nel corso di quest'anno. La notizia ha contribuito a far scattare delle prese di beneficio dopo il rally di ieri. Dal mercato del lavoro sono arrivati dei segnali contrastanti. Mentre i dati di ADP sull'occupazione nel settore privato statunitense hanno battuto le attese, le nuove richieste di sussidi alla disoccupazione sono aumentate più di quanto previsto dagli economisti. Wall Street attende ora il rapporto sull'occupazione per il mese di dicembre che verrà pubblicato domani. Tra i bancari Bank of America ha perso lo 0,6% e J.P. Morgan Chase & Co. lo 0,2%. Tra i titoli high-tech Intel ha perso lo 0,3% e Microsoft l'1,3%. Tra i petroliferi Exxon Mobil ha perso lo 0,2% e Chevron lo 0,4%. Il prezzo del petrolio ha chiuso oggi a New York in calo dello 0,2%.
UnitedHealth
ha perso il 4,7%. Deutsche Bank ha tagliato il suo rating sul titolo del gigante dell'assicurazione sanitaria da "Buy" a "Hold".
Cisco Systems
ha guadagnato lo 0,5%. RBC Capital Markets ha alzato il suo rating sul titolo del leader mondiale nel networking per Internet da "Sector perform" ad "Outperform".
Biogen Idec
ha perso l'1,4%. La compagnia biotech ha comunicato che il dexpramipexole, un farmaco per la cura della sclerosi laterale amiotrofica, non ha raggiunto in uno studio clinico di Fase III gli obiettivi sperati.
Transocean ha guadagnato il 6,4%. Il leader a livello mondiale nelle attività di esplorazione offshore di petrolio ha accettato di pagare $1,4 miliardi per chiudere tutte le cause pendenti, penali e civili, legate alla catastrofe della Deepwater Horizon nel 2010.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito