Wall Street continua a scendere

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
F16,000,07
FAS.BE30,750,00
HPQ31,930,56
^DJI16.408,54-16,31
ALU.HA8,490,29

Quinto ribasso consecutivo per Wall Street e con questa seduta anche l’ultima soglia psicologica è stata persa, il Nasdaq (Nasdaq: ^NDX - notizie) , infatti, è tornato sotto quota 3.000 punti.

Oggi il calo è stato davvero sensibile, il più forte scivolone del 2012, per quanto riguarda lo S&P500 dobbiamo tornare allo scorso 8 dicembre per riscontrare un ribasso superiore a quello odierno.

Nonostante questo, però, gli indici statunitensi restano fra i migliori da inizio anno, ma ovviamente non potevano non risentire di un sentiment completamente deteriorato da una situazione economica generale che sta velocemente peggiorando.

Obiettivamente ci troviamo in un vicolo cieco, se ci attende un anno di recessione, con tassi già così bassi, che cosa possiamo attenderci dai mercati borsistici? Veramente una situazione complicata che non è stata minimizzata neppure dal Presidente della Fed Ben Bernanke, il quale ha dovuto ammettere come, a tre anni e mezzo dallo scoppio della crisi, la soluzione della stessa sia ancora da venire.

Dow Jones (DJI: ^DJI - notizie) (-1,65%) il solo Hewlett Packard (NYSE: HPQ - notizie) (+0,56%) termina con una freccia verde, come già era accaduto ieri, il titolo, però da inizio anno fa segnare un calo intorno ai dieci punti percentuali.

Forti ribassi per Bank of America (NYSE: IKJ - notizie) (-4,37%), Caterpillar (-3,03%) e Alcoa (Hannover: 850206 - notizie) (-2,92%) che a chiusura di contrattazioni inaugurerà la stagione delle trimestrali, ovviamente dobbiamo aggrapparci a questo per poter assistere ad un recupero.

S&P500 (-1,71%) a parte il già citato Hewlett Packard soltanto Dell (EUREX: DELF.EX - notizie) (+0,18%) ha fatto segnare un micro rialzo, ciò conferma, qualora ce ne fosse stata la necessità, che ci si trova di fronte a vendite diffuse, ciò che gli americani chiamano sell-off.

, Maglia nera a Nike (-3,82%), seduta da dimenticare anche per le banche, chiudono tutte con pesanti ribassi, a partire da Morgan Stanley (EUREX: DWDF.EX - notizie) (-3,73%), senza dimenticare Citigroup (NYSE: C - notizie) (-3,27%), molto male anche Ford (NYSE: F - notizie) (-3,52%).

Nasdaq (-1,83%) un solo forte rialzo, ma si tratta del rimbalzo di First Solar (NasdaqGS: FSLR - notizie) (+5,89%), che conferma oggi più che mai di essere un titolo per gli amanti delle slot machine. Del micro rialzo di Dell (NasdaqGS: DELL - notizie) abbiamo già parlato, quindi passiamo subito ai maggiori ribassi.

Oltre cinque punti percentuali di calo per Fastenal (Berlino: FAS.BE - notizie) (-5,20%), ma hanno fatto registrare ribassi consistenti anche Sirius XM Radio (Dusseldorf: RDO.DU - notizie) (-4,52%) e Netflix (-4,46%).

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro.

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito