Italia markets open in 4 hours 24 minutes
  • Dow Jones

    34.792,67
    -323,73 (-0,92%)
     
  • Nasdaq

    14.780,53
    +19,24 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    27.633,71
    +49,63 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,1837
    -0,0006 (-0,05%)
     
  • BTC-EUR

    33.618,55
    +914,00 (+2,79%)
     
  • CMC Crypto 200

    981,48
    +54,71 (+5,90%)
     
  • HANG SENG

    26.496,82
    +70,27 (+0,27%)
     
  • S&P 500

    4.402,66
    -20,49 (-0,46%)
     

Wall Street crolla a causa di coronavirus, indici cedono oltre 4%

·2 minuto per la lettura

New York, 27 feb. (askanews) - Wall Street ha chiuso in forte calo una seduta caratterizzata dalla volatilità. I tre listini hanno ceduto oltre il 4% e sono entrati in correzione, avendo perso oltre il 10% dai massimi toccati appena 10 giorni fa. Per il Djia e l'S&P 500 si è trattata della peggior perdita giornaliera in termini di punti. L'indice delle 30 blue-chip ha perso oltre 1.150 punti ed è scivolato sotto la soglia psicologica dei 26.000 punti; mentre quello generico ha lasciato sul terreno oltre 135 punti e ha perso quota 3.000 punti. A pesare sono sempre i timori legati alla diffusione del coronavirus e ai suoi possibili effetti sull'economia globale. Diverse aziende tra cui anche Apple, Microsoft e PayPal hanno già avvertito che il virus avrà delle ripercussioni sui loro conti. Gli investitori hanno così preferito continuare ad acquistare investimenti ritenuti più sicuri rispetto all'azionario, come i titoli di Stato Usa. Il rendimento del T-bond a 10 anni, ha toccato un minimi storico di 1,25%, prima di risalire fino all'1,277%. A poco è servito l'aumento delle possibilità di un intervento a sostegno dell'economia da parte della Federal Reserve. Stando al CME FedWatch Tool, adesso c'è il 76,4% delle probabilità di un taglio dei tassi da parte della banca centrale Usa già a marzo. Ieri, le probabilità erano al 33% mentre una settimana fa le chance di un taglio dei tassi arrivavano ad appena il 9%. Gli investitori inoltre si aspettano altri tagli sia ad aprile che e a luglio e assegnano il 47% delle chance a un quarto taglio dei tassi di interesse a dicembre. Il petrolio continua a precipitare ed è sceso ai minimi da 13 mesi. Il contratto Wti ad aprile ha lasciato sul terreno 1,64 dollari, il 3,4%, a 47,09 dollari al barile. Il Djia ha perso 1.190,95 punti, il 4,42%, a quota 25.766,64. L'S&P 500 ha riportato una calo di 137,63 punti, il 4,42%, a quota 2.978,76. Mentre il Nasdaq ha ceduto 414,29 punti, il 4,61%, a quota 8.566,48.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli