Italia markets close in 3 hours 10 minutes
  • FTSE MIB

    21.575,29
    -411,71 (-1,87%)
     
  • Dow Jones

    30.937,04
    -22,96 (-0,07%)
     
  • Nasdaq

    13.626,06
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.635,21
    +89,03 (+0,31%)
     
  • Petrolio

    52,39
    -0,22 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    25.451,40
    -1.088,74 (-4,10%)
     
  • CMC Crypto 200

    621,28
    -18,64 (-2,91%)
     
  • Oro

    1.837,70
    -13,20 (-0,71%)
     
  • EUR/USD

    1,2118
    -0,0050 (-0,41%)
     
  • S&P 500

    3.849,62
    -5,74 (-0,15%)
     
  • HANG SENG

    29.297,53
    -93,73 (-0,32%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.526,42
    -66,41 (-1,85%)
     
  • EUR/GBP

    0,8841
    -0,0011 (-0,12%)
     
  • EUR/CHF

    1,0758
    -0,0024 (-0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,5447
    +0,0012 (+0,08%)
     

Wall Street: eccesso offerta petrolio e COVID-19 zavorrano bilancio di Exxon Mobil, titolo giù

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Titolo Exxon Mobil in ribasso a Wall Street, dopo la pubblicazione dei risultati di bilancio relativi al secondo trimestre. Il colosso petrolifero Ua ha riportato una perdita e un fatturato peggiori delle attese, scontando l'eccesso di offerta globale di petrolio e gli effetti della pandemia del COVID-19. La perdita netta si è attestata a $1,08 miliardi, o 26 centesimi per azione, rispetto agli utili netti di $3,13 miliardi, o 73 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'anno scorso. Escludendo le voci di bilancio straordinarie, la perdita per azione adjusted è stata di 70 centesimi, peggiore del passivo di 61 centesimi atteso dagli analisti intervistati da FactSet. Il fatturato è sceso del 52,8% a $32,61 miliardi, peggio dei $38,16 miliardi stimati dal consensus di FactSet. La produzione petrolifera è scesa del 7% a 3,6 milioni di barili al giorno, meglio dei 3,4 milioni di barili attesi, mentre le produzioni di liquidi e gas naturale sono calate rispettivamente del 3% e del 12%. "La pandemia globale e le condizioni di eccesso di offerta hanno colpito i nostri risultati finanziari relativi al secondo trimestre in modo significativo, con volumi di vendite, margini e prezzi più bassi", ha commentato il ceo Darren Woods. Il gigante petrolifero ha detto di non avere alcun piano per contrarre nuovi debiti, precisando di aver già aumentato il debito a un livello "appropriato", viste le condizioni di mercato incerte. Da segnalare che il titolo ha perso dall'inizio dell'anno il 40%, a fronte del -39,7% dell'SPDR Energy Select Sector e il -7,8% del Dow Jones.