Wall Street finisce sulla parità

QUOTAZIONI CORRELATE

SimboloPrezzoVariazione
HPQ32,000,26
NWT.DE36,300,43
^DJI16.501,650,00

Le parole di Bernanke, una volta tanto, non erano state incoraggianti, il Presidente della Fed non ha usato la solita diplomazia ed ha esternato tutte le sue preoccupazioni, il mercato ne ha immediatamente risentito, ma poi è anche ritornato sui suoi passi.

Bernanke ha voluto, però, anche precisare che il mantenimento dei tassi bassi fino al 2015 non vuol dire necessariamente che occorrerà attendere ancora tre anni prima di veder risollevarsi l’economia, ma semplicemente che i tassi dovranno essere aumentati soltanto quando la ripresa sarà “solida e duratura”. Insomma molto bastone, ma anche qualche carota.

Alla fine quindi, recuperate tutte le perdite, gli indici hanno terminato le contrattazioni sulla parità, dopo i forti guadagni della vigilia si può dire che questa è senza dubbio una buona notizia.

I dati macro, da questo punto di vista, hanno dato una bella mano, risultando decisamente migliori delle attese, in particolare ha stupito la costruzione di nuove case, aumentate del 3,6% al valore più alto dal luglio 2008.

Ed ora, come di consueto, andiamo a vedere quali titoli hanno maggiormente movimentato la giornata odierna in Borsa.

Dow Jones (DJI: ^DJI - notizie) (-0,06%) miglior titolo anche oggi Bank of America (NYSE: IKJ - notizie) (+1,48%) lanciato ormai verso quota 10 dollari, buon recupero di American Express (Hannover: 850226 - notizie) (+1,14%) e Walt Disney (+1,11%).

Vicinissimo ai minimi del 2002 Hewlett Packard (NYSE: HPQ - notizie) (-11,95%) dopo un quarto trimestre che ha messo in evidenza una perdita di 6,85 miliardi di dollari dopo una svalutazione di 8,8 miliardi di dollari, Autonomy (Londra: AU.L - notizie) , acquisita per 10 miliardi di dollari, avrebbe mentito sulla propria situazione finanziaria. Giù anche Intel (Euronext: INCO.NX - notizie) (-3,65%) dopo l’addio di Otellini ed un taglio di rating da parte di UBS (NYSEArca: DJCI - notizie) . Continua poi il momento difficile di Alcoa (TLO: AA-U.TI - notizie) (-1,08%).

, S&P500 (+0,07%) comparti diversi in vetta alla classifica giornaliera, guida i rialzi il farmaceutico Medtronic (NYSE: MDT - notizie) (+2,03%), a seguire il settore internet con Amazon (+1,77%), quindi il bancario Wells Fargo (Xetra: 857949 - notizie) (+1,60%).

In calo National Oilwell (-2,26%), H.J. Heinz (Dusseldorf: 938349.DU - notizie) (-2,20%) e Norfolk Souther (-1,93%).

Nasdaq (Nasdaq: ^NDX - notizie) (+0,02%) tenta il rimbalzo Sears Holdings (NasdaqGS: SHLD - notizie) (+3,41%) a seguire Biogen (+3,22%) quindi Dollar Tree (NasdaqGS: DLTR - notizie) (+2,87%) che termina anche oggi sul Massimo di giornata.

Pesanti ribassi per Nuance Comm. (-6,82%) arrivato alla soglia dei 20 dollari, Apollo Group (NasdaqGS: APOL - notizie) (-5,05%) e Staples (Xetra: 876951 - notizie) (-3,77%).

Vogliamo terminare, però, citando l’ennesimo record storico di Gilead Sciences (NasdaqGS: GILD - notizie) (+1,32%) che supera anche una barriera fino a pochi mesi fa semplicemente inimmaginabile, quella dei 75 dollari.

Giancarlo Marcotti per Finanza In Chiaro Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.819,48 0,66% 17:30 CEST
Eurostoxx 50 3.189,81 0,44% 17:50 CEST
Ftse 100 6.703,00 0,42% 17:35 CEST
Dax 9.548,68 0,05% 17:45 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,00% 22:32 CEST
Nikkei 225 14.404,99 0,97%  

Ultime notizie dai mercati