Italia markets open in 7 hours 12 minutes
  • Dow Jones

    28.308,79
    +113,37 (+0,40%)
     
  • Nasdaq

    11.516,49
    +37,61 (+0,33%)
     
  • Nikkei 225

    23.567,04
    -104,09 (-0,44%)
     
  • EUR/USD

    1,1830
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • BTC-EUR

    10.056,58
    +661,11 (+7,04%)
     
  • CMC Crypto 200

    239,54
    +0,62 (+0,26%)
     
  • HANG SENG

    24.569,54
    +27,28 (+0,11%)
     
  • S&P 500

    3.443,12
    +16,20 (+0,47%)
     

Wall Street futures accelerano al ribasso: Nasdaq -9,7% a settembre, titoli FAANG + Microsoft -11%

Laura Naka Antonelli
·2 minuti per la lettura

Futures Usa accelerano al ribasso, dopo il dato relativo alle richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione Usa che si è confermato peggiore delle attese. Il numero dei lavoratori che ha fatto richiesta per la prima volta per ottenere i sussisi di disoccupazione si è attestato a 870.000 unità, più alto delle 850.000 unità attese dagli economisti intervistati da Dow Jones. I futures sul Dow Jones scendono di 200 punti, o dello 0,7%; quelli sullo S&P 500 cedono lo 0,9%, mentre quelli sul Nasdaq 100 arretrano dell'1,4%. Le vendite si abbattono di nuovo e soprattutto sui titoli hi-tech. Male Facebook, Amazon, Apple, Netflix, Alphabet e Microsoft. A condizionare il sentiment le dichiarazioni di Donald Trump che, nel corso di una conferenza stampa indetta alla Casa Bianca, si è rifiutato di impegnarsi, in caso di sconfitta, a un trasferimento pacifico dei poteri a favore dello sfidante Joe Biden, candidato democratico all'Election Day. "Beh, dobbiamo vedere cosa succederà. Lo sapete. E' da tempo che mi sto lamentando parecchio della votazione. La votazione è un disastro", ha detto Trump, nel corso di una conferenza stampa indetta alla Casa Bianca. Il riferimento è alla votazione via mail, per posta, dovuta a motivi di sicurezza a causa della pandemia da coronavirus. Da segnalare che dall'inizio di settembre lo S&P 500 è sceso del 7,5%, il Dow Jones ha perso il 5,8%, il Nasdaq Composite ha segnato un tonfo del 9,7%. Le quotazioni di Facebook, Amazon, Apple, Netflix, Alphabet e Microsoft hanno perso tutte l'11% nel mese di settembre. Pesa anche il mancato accordo al Congresso Usa su un nuovo piano di stimoli anti-COVID. Aumenta il rischio che un nuovo bazooka fiscale non venga approvato prima delle elezioni presidenziali Usa del prossimo 3 novembre.