Italia markets open in 57 minutes
  • Dow Jones

    33.945,58
    +68,61 (+0,20%)
     
  • Nasdaq

    14.253,27
    +111,79 (+0,79%)
     
  • Nikkei 225

    28.910,42
    +26,29 (+0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,1930
    -0,0013 (-0,11%)
     
  • BTC-EUR

    28.688,38
    +1.124,42 (+4,08%)
     
  • CMC Crypto 200

    823,28
    +28,95 (+3,64%)
     
  • HANG SENG

    28.718,57
    +408,81 (+1,44%)
     
  • S&P 500

    4.246,44
    +21,65 (+0,51%)
     

Wall Street futures negativi in attesa minute Fed. Borsa Tokyo -1,6%, Sidney -2%

·2 minuto per la lettura

Ennesima giornata in rosso per Wall Street, dove tra l'altro in queste ore i futures puntano verso il basso. Ieri il Dow Jones Industrial Average ha perso 267 punti, zavorrato dal calo del 3% sofferto dal titolo Chevron. Lo S&P 500 ha perso lo 0,9%, il Nasdaq Composite è sceso dello 0,56%, trascinato al ribasso da Facebook, Amazon, Apple, Netflix e da Alphabet, la holding a cui fa capo Google. Oggi in calendario le minute della Federal Reserve, che faranno luce su quanto Jerome Powell & Co. siano davvero preoccupati per l'aumento dell'inflazione negli Stati Uniti. In particolare, l'inflazione Usa misurata dall'indice dei prezzi al consumo è schizzata ad aprile, come confermato dai dati diramati la scorsa settimana, del 4,2% su base annua, ben oltre il +3,6% atteso dagli analisti, rispetto al +2,6% di marzo e al ritmo più alto dal 2008. Su base annua, escluse le componenti più volatili rappresentate dai prezzi dei beni energetici e alimentari, il dato core è salito del 3%, oltre il +2,3% atteso e rispetto al +1,6% precedente. Su base mensile, il dato dell'inflazione è balzato dello 0,8%, rispetto al +0,2% atteso e al +0,6% di marzo, riportando il rialzo mensile più forte dal 2009. La componente core, sempre su base mensile, è salita dello 0,9%, ben oltre il +0,3% atteso, al ritmo più forte dall'aprile del 1982. Brutta giornata oggi per l'azionario asiatico, che sconta anch'esso la paura dell'inflazione Usa e dunque del rischio di un tapering del QE da parte della Fed prima del previsto. Tra le borse peggiori quella di Sidney, che cade di quasi il 2%. L'indice Nikkei 225 della borsa di Tokyo cede l'1,66% circa, mentre l'indice MSCI Asia Pacific ex Giappone perde lo 0,40% circa. Le borse di Hong Kong e di Seoul sono chiuse per festività, mentre la borsa di Shanghai arretra di mezzo punto percentuale circa.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli