Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.744,38
    +215,69 (+0,88%)
     
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,68 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,58 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.683,37
    +40,68 (+0,14%)
     
  • Petrolio

    63,07
    -0,39 (-0,61%)
     
  • BTC-EUR

    47.911,70
    -4.287,80 (-8,21%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.398,97
    +7,26 (+0,52%)
     
  • Oro

    1.777,30
    +10,50 (+0,59%)
     
  • EUR/USD

    1,1980
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,57 (+0,61%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.032,99
    +39,56 (+0,99%)
     
  • EUR/GBP

    0,8657
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,1020
    -0,0013 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,4982
    -0,0028 (-0,18%)
     

Wall Street: futures poco mossi dopo cali vigilia, tassi Treasuries all'1,65%. L'analista: 'borsa Usa ancora più attraente rispetto a reddito fisso'

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Futures Usa poco mossi dopo la chiusura negativa, alla vigilia, dei principali indici azionari. Lo S&P ha perso 4,01 punti (-0.10%) a 4.073,93 punti; il Nasdaq è sceso di 7,214 punti (-0,05%) a 13.698,37 punti, il Dow Jones è arretrato di 96,42 punti, o -0.29% a 33.430,77 punti. Coì commenta il trend della borsa Usa Keith Lerner, chief market strategist presso Truist, stando a quanto riporta la Cnbc: "Da un punto di vista del posizionamento di mercato, vediamo ancora l'azionario attraente su base relativa. Anche se prevediamo dietrofront periodici, la borsa Usa è salita dell'85% nelle fasi di espansione economica, e le valutazioni rimangono appetibili rispetto al reddito fisso". Occhio ai tassi sui Treasuries decennali che, dopo essere balzati fino al record da inizi 2020, fino all'1,77%, hanno ritracciato nella sessione di ieri, scendendo di 7 punti base all'1,65%. Oggi il Fomc pubblicherà le minute relative all'ultimo meeting di marzo. Le minute potrebbero dare indicazioni su quando la Fed di Jerome Powell potrebbe decidere di ritirare gradualmente gli stimoli monetari straordinari.