Italia markets close in 2 hours 27 minutes
  • FTSE MIB

    23.157,46
    +59,31 (+0,26%)
     
  • Dow Jones

    31.961,86
    +424,51 (+1,35%)
     
  • Nasdaq

    13.597,97
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    30.168,27
    +496,57 (+1,67%)
     
  • Petrolio

    63,24
    +0,02 (+0,03%)
     
  • BTC-EUR

    42.145,91
    +219,71 (+0,52%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.028,60
    +33,93 (+3,41%)
     
  • Oro

    1.781,50
    -16,40 (-0,91%)
     
  • EUR/USD

    1,2213
    +0,0045 (+0,37%)
     
  • S&P 500

    3.925,43
    +44,06 (+1,14%)
     
  • HANG SENG

    30.074,17
    +355,93 (+1,20%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.708,45
    +2,46 (+0,07%)
     
  • EUR/GBP

    0,8633
    +0,0033 (+0,39%)
     
  • EUR/CHF

    1,1074
    +0,0046 (+0,42%)
     
  • EUR/CAD

    1,5250
    +0,0024 (+0,16%)
     

Wall Street: futures poco mossi dopo nuovi record S&P e Nasdaq Composite. Oggi il bilancio di Microsoft

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Wall Street incerta dopo che, nella seduta di ieri, lo S&P 500 è salito dello 0,4% al nuovo record di chiusura di 3.855,36 punti. Record di chiusura anche per il Nasdaq Composite, avanzato dello 0,7% a 13.635,99. Il Dow Jones Industrial Average è invece sceso di 36,98 punti a quota 30.960. Attesa per i risultati di bilancio nella settimana più affollata delle trimestrali della corporate America. Prima dell'inizio delle contrattazioni, diffonderanno le loro trimestrali General Electric, Verizon e Johnson & Johnson. Dopo la fine della sessione toccherà al gigante software Microsoft. I futures sul Dow Jones sono al momento piatti, a 30.893 punti; piatti anche i futures sullo S&P 500, a 3.848 punti; i contratti sul Nasdaq perdono lo 0,11% a 13.462 punti. Focus su Apple, che ieri ha testato ieri a Wall Street il record di sempre, nell'attesa dei risultati di bilancio che saranno resi noti domani, mercoledì 27 gennaio. Apple ha chiuso la sessione della vigilia in crescita del 2,8%, al nuovo record di sempre, dopo la nota di Dan Ives di Wedbush, che ha rivisto il target price a 12 mesi sul titolo a $175 dai $144 attuali: "Wall Street sta anticipando risultati solidi e migliori delle attese di Apple – ha scritto in una nota Ives – Sebbene il consensus sia per 220 milioni di iPhone (per il 2021), riteniamo sulla base del trend attuale e nello scenario bullish che Cupertino abbia il potenziale di vendere fino a 240 milioni di unità" di iPhone. Il titolo avanza in premercato di appena lo 0,36%. Domani toccherà anche al colosso delle auto elettriche Tesla, che mette a segno un lieve rialzo dopo il balzo +4% della vigilia.