Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.717,42
    +79,23 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    34.479,60
    +13,36 (+0,04%)
     
  • Nasdaq

    14.069,42
    +49,09 (+0,35%)
     
  • Nikkei 225

    28.948,73
    -9,83 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    70,78
    +0,49 (+0,70%)
     
  • BTC-EUR

    29.550,12
    -1.556,97 (-5,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    924,19
    -17,62 (-1,87%)
     
  • Oro

    1.879,50
    -16,90 (-0,89%)
     
  • EUR/USD

    1,2107
    -0,0071 (-0,58%)
     
  • S&P 500

    4.247,44
    +8,26 (+0,19%)
     
  • HANG SENG

    28.842,13
    +103,25 (+0,36%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.126,70
    +30,63 (+0,75%)
     
  • EUR/GBP

    0,8581
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,0870
    -0,0021 (-0,20%)
     
  • EUR/CAD

    1,4713
    -0,0008 (-0,05%)
     

Wall Street futures in rialzo, dopo dietrofront Nasdaq a maggio. Tassi Treasuries sotto controllo dopo dato inflazione

·1 minuto per la lettura

Prima sessione di giugno 2021 per Wall Street, dopo un maggio contrastato. I futures sul Dow Jones salgono dello 0,51%, a 34.688 punti; i futures sul Nasdaq avanzano dello 0,38% a 13.738 punti, mentre quelli sullo S&P 500 crescono dello 0,43% a 4.220 punti. Il Nasdaq ha concluso la scorsa settimana con un rialzo pari a +2,06%, riportando il trend settimanale migliore da aprile. Tuttavia, l'indice ha perso l'1,53% a maggio, scendendo dopo sei mesi consecutivi di rialzi. L'indice delle small cap Russell 2000 ha concluso il mese con un rialzo di appena +0,11%, riportando comunque l'ottavo mese consecutivo di guadagni, e confermando di conseguenza la fase rialzista più durevole dal 1995. Il Dow Jones e lo S&P 500 sono saliti rispettivamente dell'1,93% e dello 0,55% a maggio, avanzando per il quarto mese consecutivo. Da segnalare inoltre che l'indice S&P 500 dista di appena lo 0,8% dal riagguantare il record di tutti i tempi. Wall Street ha resistito la scorsa settimana alla pubblicazione del dato relativo alle spese per consumi, che ha messo in evidenza un indice PCE core - componente core delle spese al consumo personali, attentamente monitorata dalla Federal Reserve - in crescita ad aprile del 3,1%, a dimostrazione del rialzo dell'inflazione negli Stati Uniti. Il dato è stato superiore al +2,9% atteso dal consensus, dopo essere salito dell'1,9% a marzo. Detto questo, i tassi decennali sui Treasuries Usa rimangono sotto controllo, in lieve rialzo all'1,625%.