Italia Markets open in 8 hrs 47 mins

Wall Street incerta prima del week-end. Focus su stagione utili

Davide Pantaleo
 

L'ultima seduta della settimana dovrebbe partire in maniera contrastata per la piazza azionaria americana che, dopo i recenti rialzi, sembra intenzionata a cedere il passo ad alcune prese di profitto, almeno con riferimento all'high-tech. Il future sull'S&P500 viaggia in rialzo dello 0,13%, mentre quello sul Nasdaq100 scende dello 0,11%.

Il mercato si è indebolito dopo la diffusione dei primi due dati macro di oggi che hanno visto le vendite al dettaglio registrare a dicembre una variazione positiva dello 0,4%, in frenata rispetto alla rilevazione precedente rivista verso l'alto da +0,8% a +0,9%. L'indicazione odierna si è rivelata in linea con le stime.
Al netto della componente auto si è avuto un progresso dello 0,4%, in frenata rispetto all'1% di novembre e poco sotto le stime che parlavano di un rialzo dello 0,5%. 

Non ha sorpreso l'inflazione che a dicembre ha evidenziato un rialzo dello 0,1%, in frenata rispetto allo 0,4% precedente e sotto le previsioni degli analisti che puntavano ad un rialzo dello 0,2%.
Diverso il discorso per la versione "core", depurata cioè delle componenti più volatili quali alimentari ed energia, che è salita dello 0,3% rispetto allo 0,1% di novembre e allo 0,2% atteso dal consensus.

Gli investitori attendono di conoscere un altro aggiornamento macro che sarà diffuso mezz'ora dopo l'avvio degli scambi. Si tratta delle scorte delle imprese che a novembre dovrebbero salire dello 0,2% dopo il calo dello 0,1% precedente.
Da segnalare anche un discorso di Eric Rosengren, presidente della Fed di Boston.

Intanto sul fronte valutario il dollaro riprende quota nei confronti dello yen e si riporta in area 111,5, mentre il biglietto verde perde terreno rispetto all'euro che si spinge a 1,2128.
Vendite sul petrolio che si riporta in direzione dei 63 dollari e viene scambiato ora a 63,2 dollari al barile, mentre guadagna terreno l'oro che raggiunge quota 1.327 dollari l'oncia.

Diverse le novità che arrivano dal fronte societario visto che oggi ha preso il via la nuova stagione degli utili. Blackrock (Sao Paolo: BLAK34.SA - notizie) ha diffuso i conti del quarto trimestre dell'esercizio 2017, riportando un utile in forte rialzo da 851 milioni a 2,3 miliardi di dollari. Il risultato per azione al netto delle voci straordinarie è stato pari a 6,24 dollari, al di sopra dei 5,98 dollari messi in conto dagli analisti.
Il fatturato è cresciuto del 20% a 3,47 miliardi di dollari, battendo anche in questo caso le previsioni del mercato che puntava ad un giro d'affari pari a 3,32 miliardi.

Jp Morgan si è lasciato alle spalle il quarto trimestre con un utile in calo del 37% per via degli oneri straordinari legati alla riforma fiscale voluta da Trump. Il gruppo ha riportato un utile pari a 4,23 miliardi di dollari, ma al netto delle voci straordinarie il dato sale a 6,7 miliardi, con un risultato per azione pari a 1,76 dollari, al di sopra degli 1,68 previsti dal mercato.
Il fatturato si è attestato a 25,45 miliardi di dollari, superando le aspettative degli analisti pari a 25,15 miliardi.

A due velocità la trimestrale di Wells Fargo (Swiss: WFC-USD.SW - notizie) che negli ultimi tre mesi del 2017 ha riportato un utile per azione di 1,16 dollari, al di sopra degli 1,07 attesi, mentre i ricavi sono scesi da 22,24 a 22,05 miliardi di dollari, deludendo le previsioni fissate a 22,45 miliardi di dollari.  

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online