Italia Markets close in 3 hrs 30 mins
  • FTSE MIB

    22.645,80
    -4,98 (-0,02%)
     
  • Dow Jones

    31.188,38
    +257,86 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    13.457,25
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • Petrolio

    53,02
    -0,29 (-0,54%)
     
  • BTC-EUR

    26.833,25
    -820,85 (-2,97%)
     
  • CMC Crypto 200

    647,36
    -32,55 (-4,79%)
     
  • Oro

    1.871,40
    +4,90 (+0,26%)
     
  • EUR/USD

    1,2148
    +0,0032 (+0,2673%)
     
  • S&P 500

    3.851,85
    +52,94 (+1,39%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.634,02
    +9,98 (+0,28%)
     
  • EUR/GBP

    0,8855
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,0768
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5335
    +0,0045 (+0,29%)
     

Wall Street: previsto avvio positivo, indici si preparano a nuovi record

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Si prevede un avvio di seduta positivo per Wall Street all'indomani dei nuovi record per Nasdaq e S&P500. A circa un'ora dalla partenza i futures sugli indici americani si muovono sopra la parità: il contratto sul Dow Jones sale dello 0,35%, quello sull'S&P500 avanza dello 0,30% e il future sul Nasdaq segna un +0,43%. L'indice tecnologico si conferma anche oggi il più tonico e da inizio anno ha incassato un progresso di oltre il 7%. Nonostante i dati aggiornati sul coronavirus abbiano testimoniato l’aumento dei decessi sopra le 1000 unità in Cina, nella provincia di Wuhan il numero degli infettati è salito al ritmo minore dal primo febbraio. Gli investitori inoltre guardano all'audizione del governatore della Fed, Jerome Powell, previsto oggi alla Camera e domani al senato. Nel suo discorso Powell potrebbe rassicurare i mercati, confermando il fatto che la banca centrale americana continuerà a monitorare l'impatto del coronavirus mantenendo una posizione di attesa sulla politica monetaria. Intanto, il presidente Donald Trump è tornato a mostrare disappunto verso l’operato della Fed, affermando di “non essere contento” di Powell. Non solo. Il presidente è tornato ad attaccare anche l’Unione europea sostenendo come sia “ora di negoziare seriamente con l’Ue, che fino ad adesso ci ha trattato molto male”. Il tutto sta appesantendo ulteriormente la valuta unica, scesa al minimo da ottobre verso il biglietto verde. Sempre riguardo a Trump e alla politica, si segnala che in serata si svolgerà il secondo round delle primarie del Partito Democratico nel New Hampshire.