Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.860,79
    -408,37 (-1,19%)
     
  • Nasdaq

    13.129,61
    -259,82 (-1,94%)
     
  • Nikkei 225

    28.147,51
    -461,08 (-1,61%)
     
  • EUR/USD

    1,2079
    -0,0073 (-0,60%)
     
  • BTC-EUR

    45.685,83
    -1.079,29 (-2,31%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.491,00
    -72,83 (-4,66%)
     
  • HANG SENG

    28.231,04
    +217,23 (+0,78%)
     
  • S&P 500

    4.091,85
    -60,25 (-1,45%)
     

A Wall Street rally da vaccino Moderna, il Nasdaq resiste alla rotazione. Boom petrolio con +4%

Laura Naka Antonelli
·2 minuto per la lettura

A Wall Street la nuova settimana di contrattazioni inizia con il rally da vaccino (come la scorsa post annuncio Pfizer). Il Dow Jones avanza di 350 punti circa (+1,19%), a 29.828 punti; lo S&P sale dello 0,79% a 3.612; l Nasdaq Composite è in rialzo, anche se in misura minore, guadagnando lo 0,57% a 11.895 punti. Da segnalare che al Dow Jones mancano appena 72 punti per testare un nuovo valore record di chiusura: l'indice dei titoli industriali è reduce dal balzo +4% della scorsa settimana, dopo il +4% della settimana precedente, quella dell'Election Day. Lo S&P 500 incrementa i guadagni dopo aver chiuso a un valore record lo scorso venerdì, con un guadagno su base settimanale pari a +2,2%. Oggi market mover è l'annuncio della società americana di biotech Moderna (titolo oltre +8%, dopo scatto fino a oltre +15% in premercato). Moderna ha comunicato che, dai dati preliminari relativi alle sperimentazioni fin qui effettuate, risulta che il vaccino a cui sta lavorando insieme al National Institute of Allergy and Infectious Diseases - presieduto dall'immunologo Anthony Fauci - ha una efficacia superiore al 94%. Proprio lo scorso lunedì, il colosso farmaceutico Pfizer aveva scatenato un poderoso rally sui mercati, sottolineando come il vaccino a cui stava lavorando con la tedesca BioNTech avesse un'efficacia superiore al 90%. La speranza sul ritorno alla normalità alimenta di nuovo i buy sui titoli ciclici; detto questo il settore hi-tech resiste; meno marcata è dunque la rotazione dai titoli del settore tecnologico a quelli ciclici che si era manifestata la scorsa settimana, a seguito dell'annuncio di Pfizer: a tornare alla ribalta erano stati soprattutto i titoli dei settori più colpiti dagli effetti della pandemia, dunque settori compagnie aeree e viaggi. Basti pensare che la scorsa settimana United Airlines e Carnival sono balzate rispettivamente del 12,4% e del 15,9%. Amazon oggi in lieve ribasso, scontando l'appartenenza al gruppo stay at home; Zoom -0,85%; Netflix è invece in lieve rialzo. L'ottimismo sul vaccino si riflette anche nei Treasuries, con i tassi decennali che salgono dallo 0,89% allo 0,92%. Boom di buy anche sulle quotazioni del petrolio, con il contratto WTI scambiato a New York che vola di oltre +4% a $41,74 al barile. Il Brent sale anch'esso in modo poderoso, mettendo a segno un guadagno del 3,69% a $44,36 al barile. Euro poco mosso a $1,1831.