Italia markets close in 3 hours 41 minutes
  • FTSE MIB

    22.046,78
    +344,99 (+1,59%)
     
  • Dow Jones

    29.591,27
    +327,79 (+1,12%)
     
  • Nasdaq

    11.880,63
    +25,66 (+0,22%)
     
  • Nikkei 225

    26.165,59
    +638,22 (+2,50%)
     
  • Petrolio

    43,60
    +0,54 (+1,25%)
     
  • BTC-EUR

    16.102,74
    +521,60 (+3,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    376,12
    +14,69 (+4,06%)
     
  • Oro

    1.809,10
    -28,70 (-1,56%)
     
  • EUR/USD

    1,1869
    +0,0024 (+0,20%)
     
  • S&P 500

    3.577,59
    +20,05 (+0,56%)
     
  • HANG SENG

    26.588,20
    +102,00 (+0,39%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.497,95
    +34,91 (+1,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8903
    +0,0018 (+0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0839
    +0,0039 (+0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5494
    +0,0008 (+0,05%)
     

Wall Street in rialzo, stavolta ad avere la meglio è il Nasdaq con +1,20%: riscossa per i FAANG

Laura Naka Antonelli
·1 minuto per la lettura

Wall Street in rialzo, e stavolta a salire è anche il Nasdaq, in recupero dopo due sessioni consecutive di ribassi. Riscossa dei titoli 'stay-at-home' o anche da lockdown, pesantemente colpiti dai sell off dopo l'annuncio sul vaccino anti-coronavirus a cui stanno lavorando il colosso Usa Pfizer e la società tedesca BioNTech. Il vaccino avrebbe una efficacia superiore al 90% nel prevenire i casi di COVID-19. La notizia ha alimentato ovunque la speranza di poter tornare alla vita precedente l'esplosione della pandemia: di conseguenza, gli investitori hanno abbandonato i titoli stay-at-home per riscoprire i titoli ciclici. Oggi guadagnano però anche i titoli hi-tech, come Apple, Netflix, Facebook, Amazon, Alphabet e Microsoft (i titoli che compongono i cosiddetti FANG, FAANG o, in generale, i titoli dei Big Tech). Il Dow Jones sale dello 0,20% a 29.483 punti; lo S&P avanza dello 0,57% a 3.565, mentre il Nasdaq mette a segno un rialzo dell'1,20%, sovraperformando oggi gli altri indici, salendo a 11.693 punti. L'ottimismo sulla possibilità che prima o poi la pandemia resti solo un brutto ricordo è stato prezzato nei giorni scorsi anche dai Treasuries Usa, che hanno riportato un trend al ribasso: i tassi decennali sono saliti fino allo 0,96% nella sessione di ieri, vicini ai massimi da marzo, dopo essere volati l'altroieri, in concomitanza con l'annuncio di Pfizer, fino allo 0,975%, al record dal 20 marzo scorso.