Wall Street scende, pesa incertezza presidenziali e forza dollaro

I principali indici azionari statunitensi hanno chiuso oggi in netto calo. Il Dow Jones ha perso l'1,1%, l' S&P 500 lo 0,9% e il Nasdaq Composite l'1,3%. Durante l'intera settimana il Dow Jones ha perso lo 0,1% e il Nasdaq Composite lo 0,2%, l'S&P 500 ha guadagnato lo 0,2%.
Gli USA hanno creato lo scorso mese più posti di lavoro di quanto atteso dagli economisti. La notizia ha potuto sostenere solo brevemente Wall Street . Tra gli investitori sta crescendo il nervosismo a causa dell'incertezza relativa all'esito delle elezioni presidenziali statunitensi, un evento chiave per l'economia globale. A pochi giorni dal voto i sondaggi mostrano uno scarto minimo tra Barack Obama e Mitt Romney. Dopo il positivo rapporto sull'occupazione una parte del mercato teme inoltre che la Fed possa terminare la sua politica monetaria ultra-espansiva prima del previsto. Già i dati macroeconomici pubblicati durante i giorni scorsi avevano segnalato che la ripresa negli USA sta riprendendo vigore. Il dollaro si è apprezzato perciò oggi significativamente. La forza del biglietto verde ha pesato sulle materie prime e, di conseguenza, sui minerari e sui petroliferi. Nel settore minerario Barrick Gold ha perso il 3,6%, Freeport McMoRan il 3,1%, Newmont Mining l'8,4% e Coeur d'Alene  il 2,3%. Il prezzo dell'oro ha chiuso oggi in ribasso del 2,4%, quello dell' argento del 4,3% e quello del rame del 2%. Nel settore petrolifero Exxon Mobil ha perso l'1,5%, Chevron il 2,8% e ConocoPhillips l'1,3%. Il prezzo del petrolio ha perso oggi a New York il 2,6%.
Chesapeake Energy
ha perso il 7,9%. Il gruppo energetico ha chiuso il terzo trimestre in rosso di $2,06 miliardi.
AIG ha perso il 7,2%.  Il ramo danni del gruppo assicurativo ha registrato lo scorso trimestre una performance inferiore alle attese del mercato.
First Solar ha perso l'8,9%. Il primo produttore al mondo di moduli fotovoltaici ha tagliato le previsioni sui suoi ricavi nel 2012.
Fluor ha chiuso in ribasso del 9,8%. Il primo gruppo statunitense di ingegneristica si attende per il 2013 un utile di $3,85 - $4,35 per azione. Gli analisti avevano atteso $4,40 per azione.
Guess? ha perso il 5,8%. La casa d'abbigliamento ha annunciato che il direttore operativo J. Michael Prince ed il direttore finanziario Dennis Secor hanno deciso di lasciare la compagnia.
Starbucks
ha guadagnato il 9,1%. La più grande catena mondiale di coffee shop ha alzato le previsioni sul suo utile per il corrente esercizio da $2,04 - $2,14 a $2,06 - $2,15 per azione.
LinkedIn
ha perso lo 0,1% nonostante abbia pubblicato una tirmestrale migliore delle attese degli analisti ed alzato le previsioni sui suoi ricavi per l'intero esercizio.
Priceline.com
ha guadagnato l'8,3%. Il leader delle prenotazioni alberghiere online ha generato nel terzo trimestre, escluse le voci straordinarie, un utile di $12,40 per azione. Il consensus era di $11,82 per azione.

Scopri le nostre fonti: clicca sul logo per leggere tutti gli articoli dei provider e trova il tuo preferito


Cosa sta succedendo in Borsa

Nome Prezzo Var. % Ora
Ftse Mib 21.926,93 +1,16% 11:55 CEST
Eurostoxx 50 3.201,97 0,82% 11:40 CEST
Ftse 100 6.715,98 0,62% 11:40 CEST
Dax 9.615,58 0,75% 11:40 CEST
Dow Jones 16.501,65 0,08% 23 apr 22:30 CEST
Nikkei 225 14.404,99 0,97% 08:00 CEST

Ultime notizie dai mercati