Italia markets close in 4 minutes
  • FTSE MIB

    21.767,73
    +60,77 (+0,28%)
     
  • Dow Jones

    29.430,03
    +166,55 (+0,57%)
     
  • Nasdaq

    11.811,10
    -43,87 (-0,37%)
     
  • Nikkei 225

    25.527,37
    -106,93 (-0,42%)
     
  • Petrolio

    42,74
    +0,32 (+0,75%)
     
  • BTC-EUR

    15.508,09
    -44,98 (-0,29%)
     
  • CMC Crypto 200

    361,87
    +0,44 (+0,12%)
     
  • Oro

    1.831,70
    -40,70 (-2,17%)
     
  • dólar/euro

    1,1819
    -0,0043 (-0,37%)
     
  • S&P 500

    3.560,06
    +2,52 (+0,07%)
     
  • HANG SENG

    26.486,20
    +34,66 (+0,13%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.474,40
    +6,80 (+0,20%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0800
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5478
    -0,0049 (-0,31%)
     

Wall Street scommette su trionfo Biden, occhio anche a ritorno in campo della Fed (analisti)

Titta Ferraro
·1 minuto per la lettura

Wall Street sale con decisione nel giorno delle elezioni presidenziali. Tutti e tre i principali indici azionari (S&P 500, Down Jones e Nasdaq) segnano rialzi nell'ordine del 2% con gli investitori che scommettono che la contesa elettorale si concluderà con una chiara vittoria del candidato democratico Joe Biden e un rapido accordo sul nuovo pacchetto di stimoli fiscali. Il focus sulla possibile vittoria di Biden "sta portando in alto i tassi di interesse soprattutto a lungo termine (in vista di cospicue emissioni governative), mercati azionari tonici in vista di politiche fiscali espansive malgrado il rialzo delle tasse e dollaro in deprezzamento, in vista anche di una maggiore morbidezza sul tema politica commerciale", asserisce Antonio Cesarano, Chief Global Strategist di Intermonte SIM. Da indiscrezioni di stampa emerge che Trump starebbe già cercando di approntare la sua strategia di battaglia legale per contestare il voto, concentrato soprattutto sullo stato della Pennsylvania. "Se questo è l'atteggiamento del mercato, l'esito finale presenta ancora diverse incertezze", aggiunge Cesarano che ritiene che al di là di chi sarà il vincente, il vero driver dei mercati sarà ancora rappresentato dalle banche centrali nelle prossime settimane, a partire dalla Fed di giovedì che potrebbe, ad esempio, far intendere di essere pronta a riprendere gli acquisti sui corporate bond, di fatto interrotti da diversi mesi a quota 45 Mld $ verso un potenziale massimo di 750 Mld $.