Italia markets open in 5 hours 26 minutes
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.604,22
    +438,63 (+1,68%)
     
  • EUR/USD

    1,1906
    +0,0010 (+0,08%)
     
  • BTC-EUR

    15.934,43
    -92,54 (-0,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    376,08
    +6,32 (+1,71%)
     
  • HANG SENG

    26.925,33
    +337,13 (+1,27%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Wall Street verso un avvio sprint dopo vittoria Biden, speranze per vaccino Covid

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Si prevede un avvio di seduta euforico per Wall Street, in scia alla vittoria di Joe Biden alle presidenziali americane. A circa due ore dalla partenza, il futures sul Dow Jones segna un +4,2%, quello sull'S&P500 avanza del 3,4% e il contratto sul Nasdaq guadagna l'1,6%. C'è da dire che la Borsa di New York ha concluso la scorsa settimana riportando il trend settimanale migliore da aprile nonostante l'incertezza sull'esito finale. L'S&P e il Nasdad sono saliti rispettivamente del 7,3% e del 9%, mentre il Dow Jones è avanzato del 6,9%. In particolare, l'S&P500 ha concluso la settimana dell'Election Day migliore dal 1932. Gli analisti spiegano il rally di Wall Street con il fatto che non ci sia stata la tanto temuta dal mondo corporate Blue Wave (vittoria dei democratici su più fronti). La Camera dei Rappresentanti Usa rimarrà nelle mani dei democratici, il Senato sotto il controllo dei Repubblicani. L'assenza della Blue Wave è lo scenario perfetto per Wall Street: quello di un Congresso diviso, in cui ogni riforma proposta volta a cambiare lo status quo avrà poche probabilità di essere approvata in toto. A sostenere gli scambi anche le notizie che giungono dal fronte vaccino anti-Covid. Il candidato vaccino sviluppato da Pfizer e BioNTech ha prevenuto oltre il 90% delle infezioni in uno studio su decine di migliaia di volontari. I risultati preliminari aprono la strada per chiedere un'autorizzazione alla FDA per l'uso di emergenza negli Stati Uniti già alla fine del mese.