I mercati italiani sono chiusi

Wall Street: la view resta bullish. 3 titoli su cui intervenire

Davide Pantaleo
 

Di (KSE: 003160.KS - notizie) seguito riportiamo l'intervista realizzata ad Alessandro Cocco, trader di Tag Group, al quale abbiamo rivolto alcune domande sugli indici azionari americani e su alcuni titoli Usa.

Nelle ultime sedute gli indici azionari americani hanno offerto spunti positivi, mantenendosi però al di sotto dei massimi storici. Quali le attese per le prossime giornate?

Già nell'intervista precedente la mia view su Wall Street era tornata positiva e ora gli indici si trovano poco sotto i massimi storici.
Continuo a confidare in ulteriori sviluppi positivo segnalando che per l'S&P500 un livello critico da monitorare è quello dei 2.447 punti, rotto il quale si apriranno le porte per una discesa verso area 2.405. Nelle prossime settimane però mi aspetto la rottura rialzista dei 2.484 punti, con un target in area 2.540, rivisto al rialzo rispetto alle indicazioni che fornito nelle interviste precedenti.

Il Dow Jones è rimasto leggermente indietro perchè nelle giornate di rialzo non ha registrato grandi progressi, muovendosi in maniera più lenta degli altri indici, tanto da non riportarsi proprio a ridosso dei massimi storici.
Al ribasso possiamo individuare un supporto a 21.597 punti e in caso di violazione dello stesso mi aspetto una prosecuzione delle vendite verso la soglia psicologica dei 21.000 punti.
La resistenza è invece a 22.044 punti, rotti i quali il Dow Jones potrà spingersi in avanti verso i 22.600 punti.

Passando al Nasdaq Composite, a differenza del Nasdaq100 non ha segnato nuovi massimi e quindi ci posizioneremo long solo a 6.462 punti, con target in area 6.700. Valuterei uno short dai 6.332 punti con obiettivo a 6.200/6.150 punti.

Tra i titoli del Dow Jones ce ne sono alcuni che sta seguendo con più attenzione di altri in questa fase?

Partiamo da General Electric (Euronext: GNE.NX - notizie) che nelle scorse sedute ha messo a segno un bel rialzo e si è spinto fino ai 25,28 dollari, per poi avviare un ritracciamento che prosegue oggi. Se il titolo riuscirà a riportarsi sopra i 24,5 dollari potrebbe riprendere la via dei guadagni e per un acquisto attenderei il superamento dei 25,5 dollari con obiettivo tra i 26,5 e i 27 dollari visto che in quest'area troviamo una zona di resistenza, ma non sono da escludere allunghi fino a 28/29 dollari.

Sto seguendo anche Caterpillar (Londra: 0Q18.L - notizie) che vanta un trend rialzista in atto da gennaio dello scorso anno. Il titolo continua a spingersi al rialzo, ma potrebbe stornare verso i 116/115,5 dollari, area in corrispondenza della quale aprire posizioni short con target a 112 dollari in primis e a 108 dollari in un secondo momento.
Alla violazione dei massimi a 119,2 dollari si potrà acquistare Caterpillar con obiettivo a 128 dollari.

Ci sono altri titoli che vuole segnalarci a Wall Street?

Segnalo Intel per il quale abbiamo una resistenza sui massimi generati da ottobre scorsi ad oggi. Valuterei un ingresso long sul titolo a 36,5 dollari con obiettivo a 38,5 dollari, mentre in caso di tenuta dei 36,5 dollari si potranno aprire posizioni short alla violazione dei minimi di ieri 35,11 dollari.
Per il momento quindi la strategia migliore è quella di monitorare il titolo in attesa di sviluppi che potranno fornire indicazioni più chiare per l'apertura di posizioni short o long. 

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online