Italia markets open in 1 hour 43 minutes
  • Dow Jones

    31.270,09
    -121,43 (-0,39%)
     
  • Nasdaq

    12.997,75
    0,00 (0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.930,10
    -629,00 (-2,13%)
     
  • EUR/USD

    1,2063
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    41.230,03
    +122,05 (+0,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    997,11
    +9,90 (+1,00%)
     
  • HANG SENG

    29.161,60
    -718,82 (-2,41%)
     
  • S&P 500

    3.819,72
    -50,57 (-1,31%)
     

Walter Ricciardi e Massimo Galli: "Con il ritardo dei vaccini e le varianti Covid occorrono nuove restrizioni"

Giacomo Galanti
·Giornalista, HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
I virologi Walter Ricciardi e Massimo Galli (Photo: HP-ANSA)
I virologi Walter Ricciardi e Massimo Galli (Photo: HP-ANSA)

Davanti alle varianti del Coronavirus e ai ritardi del vaccino occorrono nuove restrizioni. In due differenti interviste, Walter Ricciardi al Messaggero e Massimo Galli alla Stampa, i due virologi lanciano il medesimo messaggio.

Ricciardi. “Le varianti sono un pericolo, tutti in zona rossa per un mese”. Lo dice al Messaggero il consulente del ministro della Salute Roberto Speranza, Walter Ricciardi precisando che “con i colori non si può controllare davvero il contagio”.
Mentre sui ritardi dei vaccini, afferma che “Pfizer ha appena annunciato che tornerà alla normalità con le forniture, speriamo che si possa recuperare. Gli over 80 inizieranno tra febbraio e marzo. Ma io sono preoccupato perché l’organizzazione di una vaccinazione di massa ancora non è stata perfezionata, dobbiamo farci trovare pronti quando avremo un numero sufficiente di dosi. E poi abbiamo ancora troppi casi, serve per un mese che tutte le regioni siano in fascia rossa. Un lockdown vero. L’apri e chiudi è uno stillicidio, le zone arancioni sono insufficienti. Altrimenti ci troveremo nella situazione drammatica che ora stanno vivendo Spagna e Portogallo”.

Sul fatto che AstraZeneca ha confermato un taglio del 60 per cento, Ricciardi pensa che questo “non comprometterà la campagna vaccinale. Penso che invece è su un altro fronte che dobbiamo fare attenzione: serve un salto reale di qualità sull’organizzazione della vaccinazione di massa. Però dobbiamo farci trovare pronti nel momento in cui, come tutti speriamo, arriveranno molte dosi dei vaccini. Al momento questa certezza non c’è. Vedo che c’è ancora tanto disorientamento: quale sarà il meccanismo di prenotazione? Dove si faranno le vaccinazioni? Penso che siano dubbi da chiarire quanto prima. L’immunità di gregge l’avremo solo quando vaccineremo il 70-80 per cento dell...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.