Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.352,46
    +151,02 (+0,68%)
     
  • Dow Jones

    29.910,37
    +37,90 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    12.205,85
    +111,44 (+0,92%)
     
  • Nikkei 225

    26.644,71
    +107,40 (+0,40%)
     
  • Petrolio

    45,53
    -0,18 (-0,39%)
     
  • BTC-EUR

    14.230,54
    +188,95 (+1,35%)
     
  • CMC Crypto 200

    333,05
    -4,45 (-1,32%)
     
  • Oro

    1.781,90
    -23,60 (-1,31%)
     
  • EUR/USD

    1,1963
    +0,0050 (+0,42%)
     
  • S&P 500

    3.638,35
    +8,70 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    26.894,68
    +75,23 (+0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.527,79
    +16,85 (+0,48%)
     
  • EUR/GBP

    0,8989
    +0,0073 (+0,82%)
     
  • EUR/CHF

    1,0818
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5526
    +0,0025 (+0,16%)
     

Webuild, Salini: investire subito nelle infrastrutture

Glv
·1 minuto per la lettura

Roma, 12 nov. (askanews) - È indispensabile investire subito nelle infrastrutture, perchè ci sono "risorse già a disposizione per creare lavoro e crescita". Lo ha detto l'amministratore delegato di Webuild, Pietro Salini, secondo cui "abbiamo tanti soldi nei cassetti. È necessario investire e spendere subito i fondi già a disposizione". Il tema vero, ha spiegato Salini durante il programma Restart su Raidue, è investire subito le risorse a disposizione in un'ottica di sostenibilità della crescita di lungo periodo, anche grazie alla straordinaria occasione rappresentata dai fondi europei. "Nell'ultimo settennato europeo del programma Fas - ha sottolineato l'ad - abbiamo speso poco più di 9 dei 45 miliardi a nostra disposizione per investimenti in infrastrutture. Ne abbiamo ancora 35 residui da spendere e 28 non sono impegnati e li perderemo a fine 2021: sono a fondo perduto e non finanziamenti. Il prossimo settennato che si sta negoziando vale 65 miliardi sempre a fondo perduto, dobbiamo concentrarci sui progetti concreti da finanziare. Il paese non può aspettare". Un'urgenza che nasce anche dall'inadeguatezza del sistema infrastrutturale italiano. "Tutte le opere - ha aggiunto Salini - sono state costruite negli anni 60 anni del boom, superando largamente i 50 anni, con un traffico decuplicato rispetto alle previsioni progettuali. Il gruppo Webuild conta su un portafoglio ordini di oltre 40 miliardi di euro, che significa poter programmare la nostra attività nei prossimi anni con una certa tranquillità".