Italia markets open in 1 minute
  • Dow Jones

    33.874,24
    -71,34 (-0,21%)
     
  • Nasdaq

    14.271,73
    +18,46 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    28.875,23
    +0,34 (+0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1937
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    27.709,58
    -841,98 (-2,95%)
     
  • CMC Crypto 200

    798,00
    -12,19 (-1,50%)
     
  • HANG SENG

    28.871,68
    +54,61 (+0,19%)
     
  • S&P 500

    4.241,84
    -4,60 (-0,11%)
     

WeCroak, l'app che ti ricorda che devi morire

La corsa verso la felicità è spesso un obiettivo destinato a rimanere irrealizzato. Questo perché, come dicevano gli antichi filosofi, non sappiamo cosa sia la felicità.

Cos'è la felicità?

Stabilire cosa si intende per felicità sarebbe, in teoria, il primo passo se non altro, per iniziare a individuare l'oggetto della nostra ricerca. Altri, invece, in nome del famoso consiglio di T. Roosevelt “Fai quello che puoi, con quello che hai, nel posto in cui sei”, decidono invece, di godersi la vita finché c'è. Chi invece preferisce un metodo più socratico, ricordandosi che il tempo non esiste e che il saggio è colui che realizza il presente, per farlo al meglio hanno inventato un'app che ricordi la fugacità dell'esistenza. Un modo come un altro per apprezzare al meglio il presente. In cosa consiste concretamente la novità?

WeCroak

Semplice, leggere frasi macabre che ricordino la morte e la brevità della vita. Nome della “simpatica” applicazione WeCroak, ovvero, “Crepiamo”. E il rapporto con la morte è continuo: 5 frasi al giorno (353 in tutto) che compaiono a random sul display del cellulare. A sorpresa, come la morte, appunto. Scelta hitech che concretizza una tradizione molto antica: oltre ai filosofi greci del "Panta Rei", al "Tempus Fugit" o al "Carpe Diem"dei latini, agli egizi con il loro culto dell'aldilà illustrato dal libro dei Morti, superando la tradizione paleocristiana delle catacombe e quella medievale delle reliquie, infatti, anche nel lontano Buthan si crede che pensare alla morte almeno 5 volte al giorno permetta di rendersi conto quale realo sia la vita. Ma chi non volesse andare tanto lontano può sempre ricorrere alla soluzione ideata da Hansa Bergwall, pubblicitario 35enne di Brooklyn, e da Ian Thomas, 27 anni che per 0,99 cent hanno deciso di rendere la tradizione bhutanese (in realtà il rapporto con la morte è uno dei grandi compagni dell'essere umano dalla notte dei tempi), un programmino più o meno utile, presente anche sui cellulari (per ora solo in inglese), programmino che ha ottenuto un incredibile successo visto che si tratta di una della app più popolari su Apple Store. De Gustibus...

Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli