Italia markets open in 3 hours 24 minutes
  • Dow Jones

    35.911,81
    -201,79 (-0,56%)
     
  • Nasdaq

    14.893,75
    +86,95 (+0,59%)
     
  • Nikkei 225

    28.357,78
    +233,50 (+0,83%)
     
  • EUR/USD

    1,1422
    +0,0007 (+0,06%)
     
  • BTC-EUR

    37.510,63
    -445,55 (-1,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.028,17
    +2,44 (+0,24%)
     
  • HANG SENG

    24.240,11
    -143,21 (-0,59%)
     
  • S&P 500

    4.662,85
    +3,82 (+0,08%)
     

Weisenthal pensa che non sia immorale svalutare il denaro

·8 minuto per la lettura

Joe Weisenthal è un editore e conduttore di Bloomberg che di recente ha utilizzato il suo profilo su Twitter per lanciare pietre contro i falchi dell'inflazione. In un post Weisenthal ha deriso le persone preoccupate per il calo del potere d'acquisto del dollaro e ha affermato che sarebbe immorale che esso trattenga il suo valore nel tempo.

Come vedremo, sebbene l'esperimento mentale di Weisenthal su un viaggiatore del tempo sia un po' stravagante, ci offre una buona opportunità per esplorare l'economia sottostante. L'intero episodio sottolinea, ancora una volta, perché la Scuola Austriaca fornisca un faro di luce in mezzo alla confusione della nostra sapienza finanziaria.

Il viaggiatore del tempo di Weisenthal

Weisenthal e Adam Singer prendono in giro i tipi come Ron Paul che sono sconvolti dal costante declino del potere d'acquisto del dollaro da quando la FED è stata costituita alla fine del 1913. Weisenthal pensa che sia assurdo aspettarsi che una valuta trattenga il suo valore di mercato nel corso di un secolo. Cosa avrebbe fatto un simile "accaparratore" a beneficio della società per tutto questo tempo?

Ridurre la scala dei tempi

Per andare al sodo, Weisenthal si sbaglia: non c'era nulla di immorale nel gold standard classico e nel suo mantenimento del potere d'acquisto per lunghi periodi. Ma sarà più facile individuare il difetto nel pensiero di Weisenthal se consideriamo prima una storiella semplice.

Supponiamo che Joey sia un adolescente che taglia l'erba per un reddito extra e in genere guadagna $25 a fine settimana. Joey vuole comprare una Xbox da $300, quindi risparmia i soldi mettendoli sotto il materasso. Dopo tre mesi, Joey porta i $300 risparmiati in contanti al centro commerciale e compra l'agognata consolle.

Joe Weisenthal ha qualche problema con questo scenario? L'economia di mercato ha funzionato in modo immorale permettendo a Joey di trasferire il suo potere d'acquisto dall'inizio dell'estate alla fine dell'estate? Joey avrebbe dovuto fare qualcos'altro oltre a tagliare l'erba affinché potesse posticipare il suo consumo nel tempo?

Confido che Weisenthal non si opporrà al fatto che Joey risparmi denaro durante l'estate. Ma allora qual è la differenza di principio tra il differimento di tre mesi di Joey ed il viaggiatore nel tempo di Weisenthal che ha posticipato il proprio consumo di cento anni?

I beni presenti sono privilegiati rispetto ai beni futuri

Infatti un viaggiatore del tempo non solo non dovrebbe essere penalizzato per aver differito il consumo di un secolo, ma dovrebbe essere ricompensato. Questo perché i beni presenti sono più preziosi dei beni futuri (si noti che qui stiamo entrando in questioni molto tecniche, il lettore interessato può dare un'occhiata alla mia serie di podcast in tre parti – uno, due e tre – per ascoltare i dettagli della teoria dell'interesse secondo la tradizione Austriaca).

Quindi, per tornare ai tweet originali, se un ragazzo nel 1921 aveva due quarti in tasca, e questo gli bastava per comprare un delizioso hamburger, allora in base alla sua volontà di scambiare il suo hamburger del 1921 con uno nel 2021, come minimo lo scambio dovrebbe avvenire alla pari. E infatti potrebbe (normalmente) ottenere una promessa per più di un hamburger in futuro, visto che i primi sono più apprezzati (questo non è tanto un mistero come lo scambio di un hamburger nel presente con più di un hot dog nel presente).

È facile capire perché, soggettivamente, alle persone dovrebbe essere promesso un numero maggiore di beni in futuro per rinunciare al consumo oggi. Ma come possono, meccanicamente, i mutuatari mantenere queste promesse? Com'è possibile, tecnologicamente parlando, trasformare 100 unità di beni presenti in (diciamo) 150 unità di beni futuri?

La risposta è che più a lungo siamo disposti ad aspettare, in generale, maggiore sarà l'output fisico che possiamo ottenere per una data quantità di input odierni. Eugen von Böhm-Bawerk faceva notoriamente riferimento a processi superiori di produzione, più ciclici. Ad esempio, se un uomo è nel bosco e vuole portare l'acqua da un ruscello nella sua capanna vicina, ha diverse tecniche che potrebbe usare.

Un metodo molto veloce e diretto è quello di porre le mani a coppa e correre avanti e indietro dal ruscello alla sua capanna. Questo gli permette di accedere all'acqua molto rapidamente, ma la resa, misurata in litri d'acqua per ora di lavoro, è molto bassa.

Un metodo intermedio sarebbe quello di svuotare due noci di cocco e creare dei piccoli secchi, e poi andare avanti e indietro armato dei beni capitali appena creati. Ciò richiederebbe più tempo per portare l'acqua nel capanno, ma una volta avviato il processo, fornirebbe molti più galloni all'ora di lavoro, compreso il tempo trascorso a costruire i secchi.

Infine può impiegare diversi mesi a scavare un piccolo sentiero dal ruscello alla sua capanna, in modo che l'acqua scorra direttamente verso di essa. Una volta completati, i suoi lavori di ristrutturazione sarebbero estremamente produttivi se misurati in termini di volume d'acqua per ora del suo tempo di lavoro.

E così vediamo che la società sarebbe disposta e in grado di ricompensare l'ipotetico viaggiatore del tempo di Weisenthal per aver guadagnato $100 nel 1921 e poi aver posticipato il suo consumo di un secolo. Le risorse reali che sarebbero andate a soddisfarlo nel 1921 sarebbero state liberate per essere investite in processi più lunghi, i quali avrebbero avuto una resa fisica più elevata. Per dirla in modo semplice, ha perfettamente senso che un hamburger del 1921 venga scambiato sul mercato a termine per diversi hamburger del 2021.

Obbligazioni & contanti

Possiamo vedere ancor di più la debolezza nell'analisi di Weisenthal se supponiamo che il viaggiatore del tempo prenda il suo denaro e lo depositi in un conto di risparmio presso una banca. Sarebbe immorale per un conto bancario avere $100 nel 1921 e vederli crescere fino a superare tale importo fino al 2021?

O un altro esempio, cosa accadrebbe se il viaggiatore del tempo del 1921 avesse inizialmente acquistato un'obbligazione a lunghissimo termine che sarebbe scaduta nel 2021? Il viaggiatore del tempo si infilerebbe il titolo in tasca, attiverebbe la macchina del tempo e si presenterebbe alla porta di Weisenthal, chiedendogli di aiutarlo ad incassare il suo bond ormai maturato (e lavorando a Bloomberg, Weisenthal è proprio il tizio giusto a cui chiederlo). Il viaggiatore del tempo scoprirebbe che l'interesse nominale che avrebbe guadagnato sull'obbligazione centenaria è appena sufficiente ad averne conservato il potere d'acquisto, poiché le merci sono molto più costose di quanto il viaggiatore fosse abituato a vedere. L'economia di mercato si è comportata in modo immorale consentendo il verificarsi di tale transazione?

In linea di principio lo stesso tipo di scambio intertemporale si verifica se le persone investono i propri risparmi non in conti bancari o obbligazioni, ma invece accumulando denaro reale. Anche qui, il calo iniziale dei consumi libera risorse reali che possono essere incanalate nella produzione di una maggiore quantità di beni futuri. Come spiega Ludwig von Mises in Human Action:

Se un individuo impiega una somma di denaro non per il consumo, ma per l'acquisto di fattori di produzione, il risparmio si trasforma direttamente in accumulo di capitale. Se il singolo risparmiatore impiega i suoi risparmi aggiuntivi per aumentare la sua disponibilità di liquidità, perché questa è ai suoi occhi la modalità più vantaggiosa di utilizzarli, determina una tendenza al calo dei prezzi delle merci e all'aumento del potere d'acquisto dell'unità monetaria. Se presumiamo che l'offerta di denaro nel sistema di mercato non cambi, questo comportamento da parte del risparmiatore non influenzerà direttamente l'accumulo del capitale ed il suo impiego per un'espansione della produzione. L'effetto del risparmio del nostro risparmiatore, cioè l'eccedenza dei beni prodotti sui beni consumati, non scompare a causa del suo accaparramento. I prezzi dei beni capitali non salgono all'altezza che avrebbero raggiunto in assenza di tale accaparramento. Ma il fatto che siano disponibili più beni strumentali non è influenzato dallo sforzo di un certo numero di persone nel voler aumentare le proprie disponibilità di liquidità. Se nessuno impiega i beni – il cui mancato consumo ha determinato il risparmio aggiuntivo – in un'espansione della sua spesa al consumo, essi rimangono come un incremento della quantità di beni capitali disponibili, qualunque sia il loro prezzo. Questi due processi – l'aumento della liquidità di alcune persone e l'aumento dell'accumulo di capitale – avvengono fianco a fianco.

È un argomento affascinante riflettere sul denaro ideale (se un tale concetto ha senso) e se il suo potere d'acquisto diminuirà, aumenterà o rimarrà stabile per lunghi periodi. Quello che possiamo dire con certezza è che cambiamenti rapidi ed imprevedibili sono indesiderabili, perché una moneta estremamente fluttuante vanifica l'efficacia del calcolo monetario, che è uno dei pilastri della civiltà stessa. Vale a dire, la contabilità in partita doppia funziona solo quando le unità monetarie dei ricavi e dei costi sono comparabili.

Conclusione

Contrariamente alle riflessioni di Joe Weisenthal, non c'è nulla di immorale se una moneta mantiene il suo potere d'acquisto per lunghi periodi. In generale, quando le persone incanalano i propri risparmi in veicoli convenzionali (come conti bancari o obbligazioni), Autore: Francesco Simoncelli Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli