Italia markets closed
  • Dow Jones

    35.258,61
    -36,15 (-0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.021,81
    +124,47 (+0,84%)
     
  • Nikkei 225

    29.025,46
    +474,56 (+1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1616
    +0,0015 (+0,13%)
     
  • BTC-EUR

    52.946,34
    +1.049,95 (+2,02%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.430,53
    -21,11 (-1,45%)
     
  • HANG SENG

    25.409,75
    +78,75 (+0,31%)
     
  • S&P 500

    4.486,46
    +15,09 (+0,34%)
     

Weroad chiude round da 13,5mln, 4mln dalla piattaforma Backtowork

·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 ott. (askanews) - Weroad chiude un round da 13,5 milioni di euro, per finanziare la sua crescita internazionale. La startup italiana dei viaggi-avventura raccoglie i fondi in un mix tra equity, debito e convertible. A investire sono i soci storici ai quali si aggiungono capitali nuovi che arrivano a Weroad tramite BacktoWork, la piattaforma di crowdfunding di cui è partner Intesa Sanpaolo. Attraverso Backtowork sono stati raccolti oltre 4 milioni di euro, con l'adesione di oltre 100 clienti di Intesa Sanpaolo Private Banking.

"La campagna di WeRoad è la seconda operazione sulla nostra piattaforma che coinvolge con successo i clienti di Intesa Sanpaolo Private Banking, a dimostrazione che il crowdinvesting può diventare un efficiente strumento d'investimento alternativo", ha spiegato Alberto Bassi, CEO di BacktoWork.

Il round, ha sottolineato Paolo De Nadai, CEO e founder di WeRoad, arriva dopo due anni "difficili: le restrizioni hanno messo a dura prova la serenità di tutti noi, la solitudine è esplosa e con essa l'esigenza di tornare a viaggiare, condividere esperienze, vivere di nuovo una vita piena e libera. Siamo molto fieri dell'impatto che WeRoad ha nella vita delle persone e sentiamo forte la responsabilità di essere un attore protagonista di una ripartenza che metta le connessioni umane al centro".

I fondi raccolti , ha spiegato Alessandro Zanchetton, managing director di WeRoad, serviranno allo scaleup internazionale, con la startup che punta alla leadership in Italia e alla crescita in Spagna con l'Inghilterra nel mirino. "Siamo convinti che il nostro modello costituisca un unicum nel settore del travel: a differenza dei principali player del mercato WeRoad è contemporaneamente un tour operator, un community business e una travel tech company. Grazie all'insieme di questi tratti siamo convinti di avere tutte le carte per diventare il leader paneuropeo entro il 2025", ha concluso Zanchetton.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli