Italia markets open in 1 hour 45 minutes

WhatsApp lancia la sua guida informativa contro il coronavirus e le fake news

Giancarlo Salemi
WhatsApp lancia la sua guida informativa contro il coronavirus e le fake news

Dopo Twitter anche WhatsApp offre ai suoi utenti un vademecum per conoscere il COVID19. Notizie da fonti qualificate come l’Oms, Unicef e Onu per contrastare le fake news”

Anche i social media scendono in campo per offrire agli utenti le informazioni necessarie per tutelarsi dal coronavirus. Dopo Twitter è la volta di WhatsApp che ha lanciato il proprio vademecum WhatsApp Coronavirus Information Hub, in partnership con l'Organizzazione Mondiale della Sanità, Unicef e UNDP, oltre alla donazione di 1 milione di dollari all'International Fact-Checking Network (IFCN) del Poynter Institute.

UNA GUIDA COMPLETA PER OPERATORI SANITARI E INTERNAUTI

Da oggi per tutti gli utenti di whatsapp.com/coronavirus è a disposizione una guida semplice rivolta ad operatori sanitari, educatori, leader delle comunità, organizzazioni no profit, governi e imprese locali che utilizzano il social network per comunicare. Il sito offre consigli generali e risorse per gli utenti di tutto il mondo su come trovare informazioni attendibili sulla salute, e consigli su come contrastare il diffondersi delle fake news che spesso vengono veicolate proprio attraverso le chat del social media. Le informazioni che utilizzerà WhatsApp provengono da fonti qualificate come il Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP), l’Organizzazione Mondiale della Sanità e l’UNICEF.

DOBBIAMO DIRE BASTA ALLE FAKE NEWS

"Sappiamo che i nostri utenti stanno utilizzando WhatsApp più che mai in questo momento di crisi, sia che si tratti di amici e persone care, sia che si tratti di medici, pazienti o di insegnanti e studenti” ha spiegato Will Cathcart, responsabile di WhatsApp. “Ci fa anche molto piacere poter collaborare con il Poynter Institute, per far crescere il numero di organizzazioni che si occupano di fact-checking su WhatsApp, e per sostenere il loro indispensabile lavoro per combattere le notizie false. Continueremo anche a lavorare direttamente con i ministeri della salute di tutto il mondo, per dare loro la possibilità di dare aggiornamenti direttamente tramite WhatsApp”, ha aggiunto lo stesso Cathcart.

Amazon, consegne più lente e precedenza a prodotti di prima necessità

Amazon, consegne più lente e precedenza a prodotti di prima necessità

BOOM DEL TRAFFICO + 20% RISPETTO AD UN ANNO FA

Intanto in questo primo mese di coronovirus il social network ha visto aumentare del 20% il proprio traffico rispetto ad un anno fa, raddoppiando la capacità del server per supportare al meglio la crescente esigenza di chiamate voce e video in tutto il mondo. Soddisfazione per l’iniziativa anche da parte di Achim Steiner, amministratore del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo: “Fornire informazioni aggiornate sul coronavirus alle comunità locali di tutto il mondo è un aspetto fondamentale degli sforzi della comunità internazionale per arginare la diffusione del virus. Le partnership con le aziende del settore privato come WhatsApp aiuteranno a ottenere in tempo reale queste informazioni di primaria importanza direttamente dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e dalle autorità sanitarie locali rendendole accessibili a miliardi di utenti in tutto il mondo".