Italia markets open in 2 hours 46 minutes
  • Dow Jones

    35.754,75
    +35,32 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.786,99
    +100,07 (+0,64%)
     
  • Nikkei 225

    28.787,41
    -73,21 (-0,25%)
     
  • EUR/USD

    1,1337
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    43.993,82
    -798,07 (-1,78%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.305,55
    +0,44 (+0,03%)
     
  • HANG SENG

    24.210,02
    +213,15 (+0,89%)
     
  • S&P 500

    4.701,21
    +14,46 (+0,31%)
     

Whirlpool, chiusura Napoli: prime lettere licenziamento per operai

·2 minuto per la lettura

E' arrivata la prima lettera di licenziamento ricevuta da un operaio dello stabilimento Whirlpool di Napoli. La lettera, secondo quanto riferiscono i lavoratori della fabbrica di via Argine, è stata consegnata a mano da un ufficiale giudiziario. La lettera fa riferimento alla procedura di licenziamento collettivo avviata dall'azienda il 15 luglio e "confermata". L'azienda, a quanto spiegano dalla multinazionale, ha inoltre deciso di mantenere valida fino al 30 novembre l'offerta di un incentivo pari a 85.000 per tutti i lavoratori interessati o, in alternativa, la possibilità di mantenimento del posto di lavoro con il trasferimento presso il sito di Cassinetta di Biandronno (Va).

Domani mattina alle 9 si terrà un'assemblea di tutti i lavoratori dello stabilimento Whirlpool di Napoli. "La tracotanza di Whirlpool non ha limiti", dichiarano in una nota congiunta Barbara Tibaldi, segretaria nazionale Fiom-Cgil e responsabile elettrodomestico della Fiom, e Rosario Rappa, segretario generale Fiom Cgil Napoli. "La multinazionale, contravvenendo agli impegni presi - aggiungono - ha inviato oggi pomeriggio le prime lettere di licenziamento alle lavoratrici e ai lavoratori dello stabilimento partenopeo di via Argine. Questo ennesimo atto di arroganza arriva proprio mentre aspettiamo la sentenza del Tribunale di Napoli che dovrà decidere sul ricorso presentato da Fim, Fiom e Uilm sulla condotta antisindacale della multinazionale americana. A dimostrazione del fatto che Whirlpool, oltre a fare carta straccia degli accordi sindacali siglati con il Governo, non rispetta neanche la magistratura italiana".

"A giorni il Governo dovrà convocarci con i ministri al Lavoro e dello Sviluppo economico che dovranno assumersi la responsabilità di costruire un percorso per dare continuità occupazionale alle lavoratrici e ai lavoratori di Napoli. Un percorso che scongiuri i licenziamenti, che per noi sono inaccettabili. La lotta proseguirà fino a quando lo stabilimento di via Argine non riprenderà a produrre. Non abbandoneremo mai le lavoratrici e i lavoratori", concludono Tibaldi e Rappa.

"La misura è colma: la multinazionale Whirlpool, con un tavolo di crisi del governo ancora in atto, con il coinvolgimento della Regione Campania e del Comune di Napoli, e attesa del pronunciamento del Tribunale di Napoli, avvia i licenziamenti dei lavoratori, dimostrando arroganza e mancanza di rispetto. Ora i ministri della repubblica ci mettano la faccia, altrimenti in questo Paese ogni gruppo industriale sarà legittimato ad andare via quando vuole, disconoscendo accordi e ruoli istituzionali". Lo dichiara Nicola Ricci, segretario generale Cgil Napoli e Campania, commentando l'invio delle prime lettere di licenziamento ai lavoratori della Whirlpool di Napoli. " Va combattuto l'atteggiamento antisindacale della Whirlpool e garantita la continuità dell'occupazione ai 320 lavoratori di via Argine", aggiunge Ricci.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli