Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.178,80
    +171,40 (+0,78%)
     
  • Dow Jones

    30.218,26
    +248,74 (+0,83%)
     
  • Nasdaq

    12.464,23
    +87,05 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    26.751,24
    -58,13 (-0,22%)
     
  • Petrolio

    46,09
    +0,45 (+0,99%)
     
  • BTC-EUR

    15.861,39
    -7,31 (-0,05%)
     
  • CMC Crypto 200

    365,19
    -14,05 (-3,71%)
     
  • Oro

    1.842,00
    +0,90 (+0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,2127
    -0,0022 (-0,18%)
     
  • S&P 500

    3.699,12
    +32,40 (+0,88%)
     
  • HANG SENG

    26.835,92
    +107,42 (+0,40%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.539,27
    +22,17 (+0,63%)
     
  • EUR/GBP

    0,9019
    -0,0006 (-0,07%)
     
  • EUR/CHF

    1,0811
    -0,0009 (-0,08%)
     
  • EUR/CAD

    1,5490
    -0,0127 (-0,81%)
     

Whirlpool, operai Napoli in corteo

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

Manifestazione degli operai dello stabilimento Whirlpool di Napoli, per il quale la multinazionale ha dichiarato lo stop dell'attività dal 1° novembre. I lavoratori sono partiti dalla fabbrica di via Argine e si hanno raggiunto in corteo la Stazione centrale di piazza Garibaldi.

Gli operai, al coro "Napoli non molla", proseguono così nelle loro proteste a due giorni dallo stop deciso dalla multinazionale per lo stabilimento napoletano.

"Siamo in stazione, ancora una volta per difendere il nostro diritto di lavorare e di continuare ad avere un futuro". Così Vincenzo Accurso della Uilm, operaio dello stabilimento Whirlpool di Napoli, nella Stazione centrale di Napoli. "Stiamo dando un'opportunità a Governo, non sia schiavo di queste multinazionali. Abbiamo una sovranità - prosegue Accurso - mettiamola in campo. Conte, Patuanelli, schieratevi dalla parte giusta, al nostro fianco. Dopo una pandemia che sta mettendo in ginocchio un paese intero, non è possibile far inginocchiare ancora di più dei lavoratori che hanno sempre fatto il massimo per il sito nel quale lavoravano, non si può essere buttati in strada così".

"La lotta delle lavoratrici e dei lavoratori della Whirlpool di Napoli continua e si intensifica. La tensione sta crescendo. E' necessario che il Governo passi dalle parole ai fatti, dando conseguenza alle dichiarazioni fatte, e costringa Whirlpool a riprendere l'attività produttiva nel sito di via Argine. Se questo non avverrà in tempi brevi, il rischio è che la vertenza possa precipitare in questione di ordine pubblico, di cui non hanno bisogno né i lavoratori della Whirlpool, né la città di Napoli ". Così Rosario Rappa, segretario generale Fiom-Cgil Napoli.