Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.718,81
    -12,08 (-0,05%)
     
  • Dow Jones

    34.347,03
    +152,97 (+0,45%)
     
  • Nasdaq

    11.226,36
    -58,96 (-0,52%)
     
  • Nikkei 225

    28.283,03
    -100,06 (-0,35%)
     
  • Petrolio

    76,28
    -1,66 (-2,13%)
     
  • BTC-EUR

    15.862,65
    -71,57 (-0,45%)
     
  • CMC Crypto 200

    386,97
    +4,32 (+1,13%)
     
  • Oro

    1.754,00
    +8,40 (+0,48%)
     
  • EUR/USD

    1,0405
    -0,0008 (-0,07%)
     
  • S&P 500

    4.026,12
    -1,14 (-0,03%)
     
  • HANG SENG

    17.573,58
    -87,32 (-0,49%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.962,41
    +0,42 (+0,01%)
     
  • EUR/GBP

    0,8595
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    0,9837
    +0,0023 (+0,23%)
     
  • EUR/CAD

    1,3906
    +0,0028 (+0,20%)
     

WSJ: petrolio russo aggira sanzioni Usa tramite raffineria di Priolo

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 2 nov. (askanews) - La raffineria di petrolio a Priolo in Sicilia, di proprietà di Lukoil, il secondo colosso russo del petrolio, consente al greggio russo di aggirare le sanzioni americane e arrivare negli Stati Uniti sotto forma di prodotti petroliferi raffinati. E' quanto riporta il Wall Street Journal in un video in cui ricostruisce i flussi del greggio provenienti dalla Russia.

Una volta raffinato nello stabilimento siciliano di Lukoil, che è il secondo più grande in Italia e il quinto in Europa, il greggio proveniente da Mosca diventa prodotto italiano. La maggior parte dei prodotti petroliferi raffinati a Priolo e spediti da marzo dalla Sicilia negli Stati Uniti, si spiega nel video del WSJ, hanno raggiunto gli impianti in Texas e in New Jersey. Ad oggi il 93% del greggio lavorato nella raffineria siciliana arriva dalla Russia mentre prima dell'invasione ucraina da parte della Russia arrivava da diversi Paesi e la quota di quello russo rappresentava il 30%.