Italia markets open in 3 hours 37 minutes
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.940,90
    +492,89 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,2085
    0,0000 (-0,00%)
     
  • BTC-EUR

    40.912,60
    -784,25 (-1,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.354,97
    -32,94 (-2,37%)
     
  • HANG SENG

    27.940,98
    +222,31 (+0,80%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     

Wwf: sistemi alimentari provocano l'80% di perdita di biodiversità

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

L'attuale sistema di produzione e consumo di cibo da solo causa l’80% di estinzione di specie e habitat a livello globale. A ricordarlo è il Wwf che alla vigilia della Giornata Mondiale della Terra lancia la sua Campagna Food4Future per promuovere modelli di produzione e consumo alimentari che, a cominciare dal Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) che il governo sta reimpostando, proteggano e conservino la natura, garantendo al tempo stesso cibo sufficiente, equo, pulito, sano e nutriente, per le generazioni attuali e future.

Quattro le aree d’azione urgenti, indicate dal Wwf, "che se messe in pratica subito a livello globale consentirebbero di rendere i sistemi alimentari più resilienti, inclusivi, sani e sostenibili, tenendo conto delle necessità umane e dei limiti del Pianeta: agire in campo (grow better), in mare (fish better), a tavola (eat better), riducendo perdite e sprechi alimentari (use better)".

La visione del Wwf è spiegata nel Manifesto Food4Future, dove si chiede a tutti un impegno concreto. Una delle chiavi del cambiamento si trova nelle abitudini alimentari dei singoli: con l’iniziativa #DoEatBetter rivolta ai consumatori, infatti, il Wwf li identifica come perno centrale per un reale cambiamento e per indirizzare le abitudini alimentari verso comportamenti sani, sostenibili e responsabili.

"Il Pianeta ha mostrato la finitezza delle proprie risorse e la fragilità dei propri meccanismi di funzionamento. Dobbiamo correre ai ripari a cominciare da oggi, dalla prossima spesa che faremo - afferma Eva Alessi, responsabile consumi sostenibili e risorse naturali di Wwf Italia - È fondamentale modificare i sistemi alimentari, dalla produzione al consumo, per renderli più resilienti, inclusivi, sani e sostenibili, tenendo conto delle necessità umane e dei limiti del Pianeta. Quattro sono le aree in cui è urgente agire, in campo, in mare, a tavola e nella riduzione di perdite e sprechi alimentari. Il cibo è la leva più potente per migliorare la salute umana e degli ecosistemi. Invitiamo tutti a leggere il nostro Manifesto e seguire i vari approfondimenti che affronteremo nel corso dell’anno: se insieme correggiamo il sistema alimentare contribuiremo alla stabilità del sistema Terra".

Da oggi e per il resto dell’anno verranno pubblicati una serie di contenuti sui canali digital e social del Wwf, con tanti approfondimenti. Inoltre, grazie alla collaborazione di numerosi influencer e chef, e alla media partnership con Il Cucchiaio d’Argento (Cucchiaio.it) che nella nuova sezione 'Sostenibilità' rilancerà i contenuti della campagna, verranno poste all’attenzione 4 sfide da affrontare con urgenza, gli obiettivi da raggiungere per tutti gli ambiti delle filiere alimentari, e le raccomandazioni Wwf ad aziende, istituzioni e cittadini.