Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.704,01
    +569,02 (+1,95%)
     
  • Nasdaq

    11.058,94
    +229,44 (+2,12%)
     
  • Nikkei 225

    26.173,98
    -397,89 (-1,50%)
     
  • EUR/USD

    0,9737
    +0,0139 (+1,45%)
     
  • BTC-EUR

    20.090,88
    +284,34 (+1,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    445,74
    +16,96 (+3,96%)
     
  • HANG SENG

    17.250,88
    -609,43 (-3,41%)
     
  • S&P 500

    3.722,37
    +75,08 (+2,06%)
     

Xavier Niel, proprietario di Iliad, acquista il 2,5% di Vodafone

Il miliardario francese delle telecomunicazioni Xavier Niel a un'udienza al Senato francese a Parigi

LONDRA (Reuters) - Il miliardario francese delle telecomunicazioni Xavier Niel, fondatore e proprietario di maggioranza di Iliad, ha acquistato una partecipazione del 2,5% nella britannica Vodafone attraverso un veicolo di investimento.

Il veicolo - Atlas Investissement - ha detto che Vodafone rappresenta una "interessante opportunità di investimento, per la qualità del suo portafoglio di attività e per le solide tendenze di fondo del settore globale delle telecomunicazioni".

Le azioni di Vodafone sono salite dell'1,5% a 108 pence nelle contrattazioni iniziali.

Atlas ha detto di essere favorevole all'intenzione di Vodafone, dichiarata pubblicamente, di perseguire opportunità di consolidamento, nonché ai suoi sforzi per la separazione delle infrastrutture.

A febbraio Vodafone ha rifiutato un'offerta da 11,25 miliardi di euro per le sue attività italiane da parte di Iliad e Apax Partners, affermando che non fosse nell'interesse dei suoi azionisti.

L'Italia, che dall'ingresso di Iliad nel 2018 è uno dei mercati più competitivi d'Europa, è stata identificata da Vodafone come un territorio che beneficerebbe di un consolidamento.

Niel ha investimenti nel settore delle telecomunicazioni in nove paesi europei, con quasi 50 milioni di abbonati attivi e oltre 10 miliardi di euro di ricavi, ha detto Atlas.

Atlas Investissement ha detto di essere indipendente dal Gruppo Iliad.

(Tradotto da Luca Fratangelo, editing Stefano Bernabei)