Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.938,52
    -66,88 (-0,26%)
     
  • Dow Jones

    34.580,08
    -59,71 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    15.085,47
    -295,85 (-1,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.029,57
    +276,20 (+1,00%)
     
  • Petrolio

    66,22
    -0,28 (-0,42%)
     
  • BTC-EUR

    43.276,40
    -4.023,68 (-8,51%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.367,14
    -74,62 (-5,18%)
     
  • Oro

    1.782,10
    +21,40 (+1,22%)
     
  • EUR/USD

    1,1317
    +0,0012 (+0,10%)
     
  • S&P 500

    4.538,43
    -38,67 (-0,84%)
     
  • HANG SENG

    23.766,69
    -22,24 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.080,15
    -27,87 (-0,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    +0,0056 (+0,66%)
     
  • EUR/CHF

    1,0378
    -0,0019 (-0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4528
    +0,0056 (+0,39%)
     

Yahoo annuncia il ritiro dalla Cina, è un ambiente 'impegnativo'

·1 minuto per la lettura

Yahoo annuncia che i suoi servizi non saranno più disponibili in Cina. In una dichiarazione, la società ha citato come spiegazione "l'ambiente commerciale e legale sempre più impegnativo in Cina". Si tratta comunque di una mossa più che altro simbolica, poiché le principali offerte di Yahoo, come i servizi di posta elettronica, non sono già disponibili nel paese da anni.

Yahoo è l'ultima azienda statunitense a chiudere i servizi in Cina. A metà ottobre, Microsoft aveva già chiuso la versione cinese della rete aziendale online LinkedIn, citando, tra le altre cose, requisiti normativi più elevati. I servizi di Google non sono disponibili in Cina da molto tempo, mentre Facebook nel paese é bloccato.

Le piattaforme online in Cina sono tenute a fornire i dati degli utenti cinesi alle autorità su richiesta e a rimuovere i contenuti vietati nel paese, come i riferimenti al massacro di piazza Tienanmen nel 1989.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli