Italia Markets closed

Lo yen come rifugio al rialzo

Swissquote
 

JPY in aumento in mezzo ai titoli commerciali, verbale della Fed

By Vincent Mivelaz

Il braccio di ferro geopolitico tra Stati Uniti e la Cina ha fatto l’affare dei trader nell’anticipare la domanda dello JPY come rifugio in un ambiente di avversione al rischio, mentre i titoli positivi sul fronte del settore automobilistico dopo la scadenza del termine per l'amministrazione Trump farebbero scattare la Sezione 232 della Legge di Espansione Commerciale, il che ha fornito alla moneta unica una spinta temporanea. Ci sono ancora crescenti argomenti che tendono a sostenere il caso di una recessione tecnica nel 4 ° trimestre 2019 in Giappone a seguito del rilascio dei dati piatti del PIL del 3 ° trimestre ed i poveri numeri di esportazione nel mese di ottobre. Nella situazione attuale, dovremmo prendere in considerazione che il minimo segno di debolezza dei consumi interni dovrebbe finalmente spingere le autorità giapponesi a lanciare il pacchetto di stimolo fiscale tanto atteso in mezzo agli ostacoli causati dal rialzo dell'imposta sulle vendite dal 8% al 10% nel mese di ottobre e la discordia commerciale. Mentre aumentano le incertezze per l'esito della fase uno dell’accordo tra gli Stati Uniti e la Cina, la domanda dello yen dovrebbe rimanere alta, una cattiva notizia per l'economia dipendente dall’export, che continua a soffrire della bassa domanda esterna.

Gli aggiornamenti sul fronte dell’accordo commerciale bilaterale tra gli Stati Uniti e il Giappone dopo la conferma del parlamento giapponese sulla ratifica del progetto che prevede dei dazi più bassi per i prodotti agricoli degli Stati Uniti, tra cui carne di manzo, maiale, grano e vino, nonché per gli utensili e le macchine industriali del Giappone, che entrerà in vigore nel gennaio 2020, è una grande vittoria per gli Stati Uniti. Poiché si prevede l’approvazione del voto da parte della Camera Alta, sembra che il Giappone non sia immune a un potenziale contraccolpo se le autorità statunitensi finalmente decidessero di introdurre dei dazi sulle automobili e le parti di automobili giapponesi, mentre l'idea del "sunset clause" sembra essersi persa per strada. Mentre le tensioni commerciali sono in aumento dopo il commento di Trump sul fatto che dei dazi supplementari attendono la Cina se i negoziati falliscono (probabilmente il 15 dicembre 2019), senza menzionare la Hong Kong Democracy Bill del Senato degli Stati Uniti per proteggere i diritti umani nella città, sembra che una tendenza ribassista sia quella favorita in questo momento. In Giappone, il PIL 3Q annualizzato e le esportazioni nel mese di ottobre, al 0,20% (precedente: 1,80%; consenso: 0,90%) e -9,20% (precedente: -5,20%), il più grande calo in tre anni, sicuramente aumentano le probabilità di misure di stimolo fiscale, mentre l’allentamento monetario sembra più probabile per la fine del 1 ° trimestre 2020. Gli investitori seguiranno attentamente i verbali del FOMC della Fed dato che le aspettative prevedono un altro taglio dei tassi nel 2020.

Autore: Swissquote Per ulteriori notizie, analisi, interviste, visita il sito di Trend Online