Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.813,19
    -220,48 (-0,65%)
     
  • Nasdaq

    14.172,40
    +132,72 (+0,95%)
     
  • Nikkei 225

    29.018,33
    -272,68 (-0,93%)
     
  • EUR/USD

    1,1925
    -0,0076 (-0,63%)
     
  • BTC-EUR

    31.591,10
    -855,91 (-2,64%)
     
  • CMC Crypto 200

    933,72
    -36,16 (-3,73%)
     
  • HANG SENG

    28.558,59
    +121,75 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    4.223,36
    -0,34 (-0,01%)
     

Zavorrato da aumento casi Covid in Asia e timori inflazione

·1 minuto per la lettura
Una piattaforma di perforazione nel bacino del Permiano nella contea di Loving

di Noah Browning

LONDRA (Reuters) - I prezzi del petrolio sono in calo per il secondo giorno consecutivo su rinnovate preoccupazioni relative alla domanda, mentre aumentano i casi di coronavirus in Asia. Pesa inoltre la salita dell'inflazione che fa temere un incremento dei tassi di interesse da parte della Fed Usa.

Alle 11,40 i futures sul Brent cedono 1,0 dollaro, o l'1,5%, a 67,66 dollari al barile. Il benchmark ha chiuso con un -1,1% ieri dopo essere salito brevemente oltre i 70 dollari nel corso della sessione.

I futures sul greggio Usa perdono 1,1 dollaro, o l'1,6%, a 64,44 dollari al barile, in seguito al calo dell'1,2% registrato ieri

Il balzo del Brent a 70 dollari di ieri è stato provocato dall'ottimismo relativo alla riapertura delle economie di Stati Uniti e Unione europea, che sono tra i principali consumatori di petrolio. Il greggio ha però in seguito ritracciato sui timori di un rallentamento della domanda in Asia per una recrudescenza di casi di Covid-19 in India, Taiwan, Vietnam e Thailandia, con conseguenti nuove restrizioni.

Le incertezze relative all'inflazione hanno inoltre portato gli investitori a ridurre l'esposizione agli asset più rischiosi, come il greggio.

La Federal Reserve ha indicato che manterrà i tassi di interesse ai livelli attuali fino al 2023, ma il mercato dei future prezza un aumento già a partire da settembre 2022.

Gli investitori monitoreranno inoltre agli ultimi dati relativi a scorte di petrolio e altri prodotti raffinati, che verranno pubblicati oggi dall'Energy Information Administration (Eia).

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Giulio Piovaccari, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli