Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.848,58
    -214,97 (-0,93%)
     
  • Dow Jones

    30.932,37
    -469,64 (-1,50%)
     
  • Nasdaq

    13.192,35
    +72,92 (+0,56%)
     
  • Nikkei 225

    28.966,01
    -1.202,26 (-3,99%)
     
  • Petrolio

    61,66
    -1,87 (-2,94%)
     
  • BTC-EUR

    36.863,65
    -3.003,17 (-7,53%)
     
  • CMC Crypto 200

    912,88
    -20,25 (-2,17%)
     
  • Oro

    1.733,00
    -42,40 (-2,39%)
     
  • EUR/USD

    1,2088
    -0,0099 (-0,81%)
     
  • S&P 500

    3.811,15
    -18,19 (-0,48%)
     
  • HANG SENG

    28.980,21
    -1.093,96 (-3,64%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.636,44
    -48,84 (-1,33%)
     
  • EUR/GBP

    0,8667
    -0,0026 (-0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0965
    -0,0048 (-0,43%)
     
  • EUR/CAD

    1,5380
    +0,0036 (+0,24%)
     

Zingaretti apre a un congresso per "rafforzare il Partito democratico"

Federica Olivo
·Giornalista, Huffpost
·2 minuto per la lettura
Nicola Zingaretti (Photo: Ansa)
Nicola Zingaretti (Photo: Ansa)

Nicola Zingaretti apre a un congresso che abbia come obiettivo quello di “rafforzare il Partito Democratico”. Una necessità che il segretario dem non aveva mai nascosto: di congresso aveva parlato anche un anno fa, prima dell’esplodere della pandemia in tutto il Paese, e aveva anche cominciato un confronto nel partito con la Costituente delle Idee, la due giorni di Bologna che aveva visto discutere i dem innanzitutto sulla identità del partito. Una necessità allora, a pochi mesi dal varo del Conte II che li aveva visti sedersi al governo accanto ai Cinque Stelle, dopo che per tutta l’era Renzi e per l’intero congresso la parola d’ordine era stata “Mai con il M5s”. I dati sui contagi, i ricoveri, le terapie intensive e i morti continuano ad essere drammatici e all’orizzonte si affaccia una terza ondata pandemica. Per questo, fino a pochi giorni fa Zingaretti avvertiva che è “da marziani” parlare di congresso. Cosa è cambiato? È arrivato il pressing di una parte di ex renziani che siedono in Parlamento, primo fra tutti il capogruppo dem in Senato Andrea Marcucci. Ma anche dei sindaci Giorgio Gori e Dario Nardella. Congresso sia, allora. O, meglio: sarà l’assemblea a decidere e lo farà nella riunione del 14 marzo. “Siamo d’accordo che vada riaperto un dibattito sul futuro dell’Italia, dobbiamo decidere la forma più schietta per fare questo dibattito, senza astio”, sottolinea Zingaretti che sulle forme da dare a questo appuntamento lascia il campo aperto: “Le forme le decideremo, c’è uno statuto e una assemblea sovrana, dobbiamo chiarire come. E’ giusto che su questo il Pd apra una discussione. Penso che sia una ipotesi da valutare, le forme le decideremo insieme. Tenendo presente che l’ordine del giorno sarà come essere più forti”.

A confrontarsi, però, sa...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.