Italia markets open in 4 hours 26 minutes
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.734,55
    +51,18 (+0,17%)
     
  • EUR/USD

    1,1955
    -0,0026 (-0,22%)
     
  • BTC-EUR

    47.602,05
    -3.119,67 (-6,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.288,87
    -102,84 (-7,39%)
     
  • HANG SENG

    29.285,27
    +315,56 (+1,09%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     

Zona arancione rafforzata, regole Brescia: cosa si può fare

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Cosa si può fare nella zona arancione rafforzata? Cosa non si può fare con le nuove regole su spostamenti, scuola e smart working? Quali sono le misure speciali contro la diffusione del coronavirus e in particolare contro le varianti del covid? Alla zona rossa, arancione e gialla si aggiunge un'altra categoria, che prevede divieti e restrizioni supplementari rispetto alla zona arancione tradizionale e si avvicina al livello 'lockdown'. L'esempio della Lombardia, in particolare della provincia di Brescia, chiarisce cosa è permesso nell'area 'arancione scuro'. La vicepresidente della Lombardia, Letizia Moratti, ha spiegato che la zona arancione rafforzata "prevede oltre alle normali misure della zona arancione anche la chiusura di scuole elementari, infanzia e nidi, il divieto di recarsi nelle seconde case, l'utilizzo obbligatorio dello smart working e la chiusura delle attività universitarie in presenza".

Le regole speciali adottate per la zona arancione 'rafforzata' si aggiungono alle misure ordinarie, eccole:

- Vietato circolare dalle ore 22 alle ore 5 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute. Vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro, salvo comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità. Raccomandazione di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all'interno del proprio Comune. Saranno comunque consentiti gli spostamenti dai Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti, entro 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia

- Chiusura di bar e ristoranti, 7 giorni su 7. L’asporto per i bar è consentito fino alle ore 18. Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni. Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, tabaccherie ed edicole al loro interno. Chiusura di musei e mostre.

- Didattica a distanza per le scuole superiori, fatta eccezione per gli studenti con disabilità e in caso di uso di laboratori.

- Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico, ad eccezione dei mezzi di trasporto scolastico. Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.

- Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema. Restano aperti i centri sportivi.