Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.268,95
    -58,84 (-0,17%)
     
  • Nasdaq

    13.443,37
    +64,33 (+0,48%)
     
  • Nikkei 225

    28.406,84
    +582,01 (+2,09%)
     
  • EUR/USD

    1,2219
    +0,0062 (+0,51%)
     
  • BTC-EUR

    35.574,45
    +525,25 (+1,50%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.221,04
    -32,10 (-2,56%)
     
  • HANG SENG

    28.593,81
    +399,72 (+1,42%)
     
  • S&P 500

    4.160,07
    -3,22 (-0,08%)
     

Zona euro, in 2020 forte crescita debito causa pandemia

·2 minuto per la lettura
La sede della Banca centrale europea a Francoforte, in Germania

BRUXELLES (Reuters) - Lo scorso anno il debito della zona euro è decisamente aumentato, con i governi che hanno aumentato fortemente la raccolta per mantenere le economie in vita durante i lockdown e una crescita delle nuove emissioni particolarmente evidente nei Paesi già indebitati.

È quanto emerge dai dati a cura di Eurostat, che mostrano che nel 2020 il debito pubblico aggregato dei 19 Paesi che condividono l'euro è balzato di 1.240 miliardi di euro a 11.100 miliardi di euro, o il 98% del prodotto interno lordo, dall'83,9% del 2019, con il deficit passato al 7,2% dallo 0,6% del Pil.

La Grecia, già alle prese con un ingente debito dopo la crisi del debito sovrano, ha visto le emissioni aumentare di 25 punti percentuali lo scorso anno a un totale di 341 miliardi di euro, o il 205,6% del Pil -- il debito più alto d'Europa se rapportato alle dimensioni dell'economia.

L'Italia è seconda nel blocco per rapporto debito/Pil, pari al 155,8%, in rialzo di 21,2 punti rispetto al 2019, ma è il Paese più indebitato in Europa in termini assoluti con 2.570 miliardi di euro.

L'Estonia, tra gli ultimi Paesi a entrare nella zona euro, e la Bulgaria -- candidata all'adozione della moneta unica -- hanno registrato tra le migliori performance, con un rapporto debito/Pil di solo il 18,2% per l'Estonia e del 25% per la Bulgaria.

La Germania, prima economia della zona euro, ha visto un aumento del debito di 10 punti percentuali al 69,8% del Pil, mentre la Francia, seconda economia del blocco, ha registrato una crescita di 18 punti, al 115,7% del Pil.

Le direttive dell'Unione europea, sospese al momento a causa della pandemia, prevedono che i governi debbano tentare di mantenere il debito pubblico al di sotto del 60% del Pil.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Sabina Suzzi, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)