Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.709,96
    +1.313,40 (+2,77%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Zona euro, balzo prestiti a imprese a marzo - Bce

·1 minuto per la lettura
Banconota da 20 euro

FRANCOFORTE (Reuters) - I nuovi prestiti alle aziende della zona euro sono aumentati a marzo, anche se il blocco fatica a superare la doppia recessione causata dalla pandemia, come emerge dai dati pubblicati dalla Banca centrale europea.

A causa della terza ondata della pandemia che ha costretto i Paesi della zona euro a inasprire le misure di lockdown, si prevedeva che le banche limitassero l'accesso al credito, alimentando i timori della Bce di difficoltà di una grossa fetta del settore servizi a sopravvivere fino alla riapertura delle economie.

Ma il volume dei prestiti mensili alle aziende della zona euro è balzato a 50 miliardi di euro a marzo dai 12 miliardi del mese prima, segnando la lettura più alta dall'aprile del 2020, come mostrano i dati.

Tuttavia, il tasso di crescita annuale dei prestiti alle imprese è rallentato al 5,3% dal 7%, con l'aumento registrato un anno fa all'inizio della pandemia uscito dalla cifra base.

I prestiti alle famiglie hanno accelerato al 3,3% dal 3%, lettura più alta dell'ultimo anno.

Il tasso di crescita annuale della massa monetaria M3, un indicatore degli ingenti acquisti di bond da parte della Bce, è sceso al 10,1% dal 12,1% del mese prima, mancando di poco le attese di mercato di un +10,2%.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Sabina Suzzi, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)