Italia markets close in 1 hour 31 minutes
  • FTSE MIB

    24.033,40
    -55,25 (-0,23%)
     
  • Dow Jones

    33.952,41
    +131,11 (+0,39%)
     
  • Nasdaq

    13.800,50
    +14,23 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    28.508,55
    -591,83 (-2,03%)
     
  • Petrolio

    61,73
    -0,94 (-1,50%)
     
  • BTC-EUR

    46.301,49
    -536,21 (-1,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.278,53
    +15,57 (+1,23%)
     
  • Oro

    1.792,80
    +14,40 (+0,81%)
     
  • EUR/USD

    1,2015
    -0,0026 (-0,22%)
     
  • S&P 500

    4.146,22
    +11,28 (+0,27%)
     
  • HANG SENG

    28.621,92
    -513,81 (-1,76%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.966,23
    +25,77 (+0,65%)
     
  • EUR/GBP

    0,8638
    +0,0004 (+0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1034
    +0,0017 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,5173
    +0,0003 (+0,02%)
     

Zona euro, banche non monitorano adeguatamente crediti deteriorati - Enria (Bce)

Andrea Enria, presidente del consiglio di vigilanza della Banca centrale europea a Londra

FRANCOFORTE (Reuters) - Le banche della zona euro devono fare di più per riconoscere i crediti deteriorati, poiché la modalità impiegata attualmente per identificare gli Npl potrebbe essere inefficace.

Lo ha detto Andrea Enria, presidente del consiglio di vigilanza della Banca centrale europea.

"Particolarmente preoccupante è l'ampia percentuale di esposizioni passate direttamente dallo stadio uno -- performing -- alla stadio tre -- non perfoming -- senza il passaggio allo stadio due -- underperforming", ha detto Enria. "Ciò potrebbe suggerire che i sistemi di allerta precoce siano inefficaci".

(Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)