Italia markets open in 3 hours 38 minutes
  • Dow Jones

    35.457,31
    +198,70 (+0,56%)
     
  • Nasdaq

    15.129,09
    +107,28 (+0,71%)
     
  • Nikkei 225

    29.261,51
    +45,99 (+0,16%)
     
  • EUR/USD

    1,1646
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    55.006,19
    +803,27 (+1,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.483,25
    +19,89 (+1,36%)
     
  • HANG SENG

    26.091,67
    +304,46 (+1,18%)
     
  • S&P 500

    4.519,63
    +33,17 (+0,74%)
     

Zona euro, continua riduzione crediti deteriorati per banche

·1 minuto per la lettura
Simbolo della moneta unica

FRANCOFORTE (Reuters) - Le banche della zona euro continuano a registrare un calo dei crediti deteriorati nel secondo trimestre, secondo quanto emerge da alcuni dati, nonostante la Banca centrale europea abbia affermato che gli istituti di credito sono più permissivi nella valutazione dei non-performing loans (Npl).

Nel secondo trimestre i crediti deteriorati delle 114 banche principali del blocco sono crollati a 422 miliardi di euro dai 455 miliardi dei tre mesi precedenti. L'incidenza sul totale dei crediti è scesa al 2,32% dal 2,54%, come comunicato dalla Bce nei dati trimestrali.

Il livello degli Npl è rimasto inaspettatamente basso durante tutta la pandemia in quanto moratorie e garanzie statali hanno permesso di soddisfare i criteri tecnici per sanare il debito e le banche sono state restie a spingere per ristrutturazioni premature.

Ma le performance sottostanti del settore aziendale sono peggiorate e la Bce ha già avvisato le banche che una volta rimosse le misure dei governi alcuni debitori si ritroveranno ad affrontare problemi con i pagamenti.

Tuttavia nel primo semestre le riduzioni di valore e gli oneri per accantonamenti sono appena a un terzo dei livelli dello scorso anno, creando una forte spinta per gli utili, come mostrano i dati Bce.

Con il 14,8%, la Grecia detiene la maggior parte degli Npl, ma il rapporto è sceso di oltre la metà nell'ultimo anno mentre in Spagna, considerato tra i mercati bancari più deboli del blocco, il tasso di Npl ha registrato un lieve aumento rispetto allo scorso anno.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli